Dal 1° luglio scende la soglia per l'utilizzo del contante da 3mila a 2mila euro

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessandra Caparello

29 giugno 2020 - 09:07

MILANO (Finanza.com)

Grandi novità fiscali in arrivo da mercoledì 1° luglio. E’ da questa data difatti che scatta l’introduzione della nuova soglia per l’utilizzo del denaro contante che dagli attuali  3 mila scende a 2 mila euro e al contempo viene introdotto un credito d’imposta a favore delle imprese al fine di alleviare le commissioni addebitate per l’utilizzo del Pos.

La Cgia di Mestre sottolinea come quest’ultima misura è stata ideata per le partite Iva a cui a partire dal 1° luglio  sarà concesso un beneficio fiscale pari al 30% delle commissioni addebitate relativamente alle transazioni effettuate con privati consumatori mediante strumenti di pagamento tracciabili. La misura però è rivolta a chi, nell’anno precedente, non ha superato i 400 mila euro di ricavi (indipendentemente dal regime di contabilità). Obiettivo delle novità è favorire sempre di più l’utilizzo degli strumenti tracciabili per i pagamenti ma con meno cash in circolazione, nessun limite specifico ai prelievi e ai versamenti del denaro contante in banca, il “nero” di fatto èvancora libero per i mini acquisti, anche sfruttando il trucco dei pagamenti frazionati.

Denaro contante: i nuovi limiti spiegati da Unimpresa 

La denuncia la fa Unimpresa che ha pubblicato un vademecum sui limiti all’utilizzo di banconote. Così, da mercoledì 1 luglio, scatta il nuovo tetto per i pagamenti con le banconote che cala da 3.000 a 2.000 euro che poi scenderà ancora a 1.000 euro da gennaio 2022.  Secondo quanto spiegato dal Centro studi di Unimpresa, dal giorno 1 luglio 2020, cala da 3.000 a 2.000 euro il limite per eseguire pagamenti con denaro contante. Per l’esattezza le soglie sono rispettivamente 2.999,99 euro e 1.999,99 euro. Da gennaio 2022 si scenderà ulteriormente a 1.000 euro (999,99 euro).

Per i pagamenti di importo maggiore diventa obbligatorio l’utilizzo di bonifici, strumenti digitali e denaro di plastica inteso come carte di credito e bancomat. Le sanzioni partono da 3.000 euro e arrivano fino a 50.000 euro per una singola operazione, secondo la gravità dell’infrazione.

Non esistono limiti specifici per quanto riguarda la movimentazione di denaro in banca, sia per quanto riguarda i prelievi sia per quanto riguarda i versamenti. Tuttavia vale la pena ricordare che da settembre 2019 è partito il nuovo meccanismo di controllo dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia, per cui sotto la sua  lente finisce automaticamente chi movimenta contanti, tra prelievi e versamenti, oltre 10.000 euro in un mese anche con più operazioni di importo minore, ma comunque superiore a 1.000 euro. Banche e Poste devono segnalare queste situazioni con la nuova «comunicazione oggettiva» che viene effettuata ogni mese, obbligatoriamente, ma non equivale a una «segnalazione di operazione sospetta».

I problemi lasciati aperti dalle novità

I tetti imposti per legge mirano a rendere la vita complicata per “spendere” il cash per l’acquisto di beni e servizi non “in nero”, ma fino a importi non rilevanti – alcune migliaia di euro – il “nero” potrà continuare ad avere gioco facile rispetto ai controlli. Tutto, insomma, dipende dalla capacità di spesa e dalle esigenze di chi incassa il contante. Senza dimenticare la possibilità di frazionare formalmente i pagamenti con multipli delle soglie introdotte (10.000 euro possono essere divisi in 5 “rate” da 2.000) né il fatto che chi ha incassato illecitamente denaro contante può a sua volta continuare a pagare senza alcuna tracciabilità, facendo leva anche su motivazioni fiscali del destinatario.

Tutte le notizie su: contante, denaro

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967