Finanza Notizie Italia Consumi: cresce fiducia famiglie e venditori per il 2018, a Natale il regalo è hi-tech

Consumi: cresce fiducia famiglie e venditori per il 2018, a Natale il regalo è hi-tech

Prospettive per il 2018 più rosee con il 37% dei consumatori che prevede un miglioramento della propria situazione econiomica e solo il 13% che invece stima un peggioramento. Segnali incoraggianti arrivano anche dalle attese di vendita per i prossimi 12 mesi dei venditori – in aumento per quasi uno su due (45,8%) – e dalle performance del credito dal consumo, che ha registrato una crescita importante dei volumi finanziati tramite i punti vendita convenzionati, raggiungendo nei primi sei mesi del 2017 il valore di 9,8 mld di euro, +8,6% rispetto allo stesso periodo del 2016 e +31,8% rispetto al 2015. Sono le principali indicazioni che emergono dall’Osservatorio Compass.

A Natale l’abbigliamento in pole, tra la tecnologia vincono ancora gli smartphone
La ricerca condotta dalla società del Gruppo Mediobanca, che oltre a mettere in evidenza la ripresa della fiducia e l’importanza del credito al consumo in risposta ai bisogni dei consumatori, ha focalizzato l’attenzione sui trend emergenti in tema di acquisti. Per il periodo natalizio tra i prodotti da regalare vincono l’abbigliamento, le calzature e gli accessori (per il 67%) e i libri e le riviste (38%). La situazione cambia quando il destinatario è la persona “più cara”: al vertice salgono i prodotti di elettronica/elettrodomestici scelti da un terzo dei consumatori (33%).

Il regalo high-tech più richiesto per il Natale sarà ancora una volta lo smartphone (56%). Seguono i prodotti informatici (14%) e i piccoli elettrodomestici per la preparazione del cibo (10%). Solo il 9%, invece, si orienterà su TV e Smart TV.

Showrooming sgonfia vendite dei negozi fisici
Quanto impatta il web sulle vendite? Secondo i punti vendita, il calo sul proprio giro d’affari a causa delle “mancate vendite” è di ben il 34% e la categoria che più subisce la concorrenza della “rete” è la telefonia. Inoltre, il fenomeno dello showrooming resta alto, con il 21% dei consumatori che entra in un negozio fisico solo per informarsi e valutare i prodotti ma acquistandoli successivamente on-line.