Finanza Notizie Italia Caro carburante e impatto ambientale guidano l’acquisto di auto nuove

Caro carburante e impatto ambientale guidano l’acquisto di auto nuove

Oggi oltre 6 automobilisti italiani su 10 indicano i consumi come il principale driver nella scelta d’acquisto di un’auto e ben il 63% sarebbe propenso ad optare per l’ibrido.  Così emerge dall’Osservatorio Compass dedicato al settore auto/moto. Vediamo ora nel dettaglio quanto emerso dalla ricerca condotta dalla società di credito al consumo del Gruppo Mediobanca. Inoltre dall’Osservatorio emerge che per il 75% degli intervistati, la propria auto ideale è quella che inquina poco. Merito dei giovani, si potrebbe pensare, invece la fascia 18-30 si dimostra leggermente meno “green”, mantenendo una forte voglia di possedere un’auto che esprima la propria personalità, oltre che uno status symbol.

Se rivolgiamo lo sguardo al campione totale, invece, il primo driver nella scelta d’acquisto è rappresentato dai consumi di carburante (66%), seguito dai costi di mantenimento (54%) e dalla sicurezza (47%).

Piace di più l’auto ibrida, con il 63% che ne comprerebbe una, rispetto all’elettrica (38%). E lo fa a tal punto che circa metà degli italiani (49%) spenderebbe dal 5% al 20% in più pur di averla. 8 italiani su 10 comprerebbero un’auto solo dal concessionario, mentre il 12% sceglierebbe il canale online. Percentuale, quest’ultima, che sale al 23% considerando solo i giovani. Nel caso dell’usato, inoltre, l’acquisto via web è comunque legato alla possibilità di vedere e provare l’auto prima di concludere “l’affare” (83%).

Incentivi auto: domanda dal 25 maggio

Scattano gli incentivi per l’acquisto di auto e moto ecologiche. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi il decreto del Presidente del Consiglio contenente le norme per il “Riconoscimento degli incentivi per l’acquisto di veicoli non inquinanti”. Il provvedimento, che è immediatamente operativo e quindi valido sugli acquisti effettuati dal 16 maggio, prevede incentivi fino a 5.000 euro in caso di rottamazione per il quale sono previsti complessivamente quasi 2 miliardi di euro in tre anni: 650 milioni per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024.

Chi volesse acquistare nuovi veicoli, auto e moto, non inquinanti, a partire dalle ore 10 di mercoledì 25 maggio 2022 si possono prenotare i contributi messi a punto dal Mise, direttamente sulla piattaforma dedicata.