Bitcoin: emendamento a dl Destinazione Italia per identificare titolare transazione oltre 1000 euro

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

17 gennaio 2014 - 18:37


MILANO (Finanza.com)

Oggi è stato presentato un emendamento al decreto legge "Destinazione Italia" per definire il bitcoin (moneta elettronica creata nel 2009) e avviare un processo di riconoscibilità della criptovaluta al fine di agevolare la diffusione dei pagamenti elettronici. "L’emendamento - rimarca il deputato di Sel Sergio Boccadutri - intende introdurre l’identificabilità del titolare effettivo del bitcoin per transazioni superiori a 1.000 euro e l’applicabilità delle disposizioni di antiriciclaggio".
Boccadutri, firmatario dell’emendamento, è anche il promotore dell’incontro “Obiettivo ePayment” organizzato da CashlessWay, che si svolgerà a Montecitorio il prossimo 30 gennaio, dove saranno ascoltate le principali aziende del settore dei pagamenti elettronici."E’ necessario avviare un percorso fattivo sul Bitcoin poiché la sua innegabile diffusione non può essere lasciata senza una concreta osservazione istituzionale e relativa regolamentazione", rimarca l'ufficio stampa di Sinistra Ecologia e Libertà (Sel).

Commenti

user

Più semplice di così si muore. 31.5.2014 05:20

samurai

bastano 2 qr-code (quelli che si leggono con lo smarthphone) il primo qr-code contiene il codice da dare per pagare e l'altro qr-code contiene il codice da dare per essere pagati. Insieme fanno un conto corrente ricaricabile ma non è euro: è bitcoin. Più semplice di così si muore. http://bitcoinfriuli.altervista.org/

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967