Banco BPM, Castagna: 'mai pensato a operazioni ostili'. Carige? 'Non sarebbe operazione trasformativa'

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

20 settembre 2021 - 07:22


MILANO (Finanza.com)

"In tutto questo periodo l'idea che ci ha spinto era la possibilità di creare il terzo polo bancario attraverso un'operazione concordata, autenticamente trasformativa, in grado di dare vita a una realtà che potesse competere sul mercato italiano con gli altri due grandi gruppi presenti" (Intesa SanPaolo e UniCredit) Così l'AD di Banco BPM, Giuseppe Castagna, nell'intervista che ha rilasciato a Stefano Righi de L'Economia de Il Corriere, in edicola oggi. Nel rispondere alla domanda sul perché l'idea del terzo polo bancario sia stata accantonata, e sul perché non sia Banco BPM a pensare di comperare qualcuno, Castagna ha così risposto, aggiungendo che "non abbiamo mai pensato a operazioni ostili".

Ma perchè non guardare a Carige?

"Parliamo di una regione dove siamo già il secondo gruppo, con il marchio Banco di Chiavari e della Riviera Ligure. Del resto, Carige, con 20 miliardi di attivi, non sarebbe per noi un'operazione trasformativa. Infine, abbiamo esperienza di operazioni di ristrutturazione e sappiamo che il mercato le apprezza soltanto quando sono completamente concluse".

Vai alle quotazioni di:

Notizie su Unicredit

Notizie su Bca Carige

Notizie su Banco Bpm

Notizie su Intesa Sanpaolo

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967