Banche stoppano rally di Piazza Affari, Banco BPM maglia nera. Spread sotto muro 190 pb

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

15 luglio 2019 - 17:48

MILANO (Finanza.com)

Avvio di ottava interlocutorio per Piazza Affari che è stata frenata dal calo del settore bancario. Il Ftse Mib ha chiuso a quota 22.178 punti, in perfetta parità, risultando la peggiore tra le Borse Ue. In avvio di giornata il Ftse Mib aveva aggiornato i massimi a oltre un anno toccando i 22.330 punti. Il balzo da inizio anno è di oltre +21%. Spicca oggi il calo dello spread ai minimi da maggio 2018 sotto la soglia di 190 pb. L'agenzia di rating Dbrs ha confermato la propria valutazione sull’Italia a ‘BBB (High)’, con trend stabile. Inoltre, oggi i dati Bankitalia hanno evidenziato una discesa del debito pubblico a maggio. Dbrs ritiene che i progressi delle banche italiane nel miglioramento della qualità del credito e l'impegno del governo italiano a una strategia fiscale più prudente, attenuano i rischi per la sostenibilità del debito, nonostante l'elevata incertezza politica del Paese e una crescita economica inferiore alle attese.

Tra i singoli titoli del Ftse Mib spicca il calo dei titoli bancari: Banco BPM è stata la peggiore con -2,29%, seguita da UBI banca con -1,92%. Male anche Unicredit (-0,88%). Secondo quanto riportato da L’economia del Corriere della Sera, la banca non ha del tutto accantonato un piano di crescita per linee esterne e il dossier di una fusione con Commerzbank è ancora aperto. UniCredit vale in Borsa 25,6 miliardi di euro. Quasi il doppio rispetto a Deutsche (13,4), e più di tre volte il valore di Commerzbank (8 mld). Tra l'altro, "un dossier sulla fusione UniCredit-Commerzbank risulta ancora aperto sulla scrivania di alcuni importanti studi legali internazionali", rimarca l’inserto finanziario del Corriere.

Miglior titolo è stato oggi Recordati con oltre +2% in scia all'accordo raggiunto Novartis. Venerdì scorso a mercati chiusi è arrivata la notizia di Recordati che ha fatto sapere di avere firmato un accordo con Novartis per l'acquisizione a livello mondiale dei diritti per Signifor e Signifor LAR, farmaci per il trattamento della Malattia di Cushing e dell'Acromegalia in pazienti adulti per i quali l'intervento chirurgico non è indicato o non è stato risolutivo. Post operazione gli analisti di Equita hanno confermato la raccomandazione hold (tenere in portafoglio), con un target price che passa a 37 euro. "A differenza del passato la prima acquisizione della gestione Cvc è nelle malattie rare e include prodotti non ancora approvati", osserva la sim milanese.
Bene titolo Juventus (+0,5%) in attesa di domani quando dovrebbe essere il giorno dell'annuncio dell'arrivo a Torino del difensore dell'Ajax, Mathias De Ligt.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]