Banche italiane, Fmi conferma progressi su NPL ma intima: 'Evitare ricorso a Fitd per salvare istituti'

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

29 gennaio 2020 - 13:41

MILANO (Finanza.com)

Il Fondo monetario internazionale riconosce i "consistenti progressi" che le banche italiane hanno compiuto nel loro percorso di risanamento, puntando in particolare a ridurre la mole dei crediti deteriorati (Npl).

Per gli istituti italiani, tuttavia, il problema rimane la bassa redditività, che interessa soprattutto le banche di piccola e media dimensione.

Tra l'altro, l'Fmi raccomanda all'Italia di "evitare il più possibile" il ricorso al Fondo di tutela dei depositi per salvare gli istituti in difficoltà (come nel caso di Carige). Un avvertimento al governo, visto che il decreto per salvare Popolare di Bari comporta la partecipazione dell'Fitd, appunto del Fondo interbancario di tutela dei depositi?

Le raccomandazioni sono contenute nel rapporto conclusivo relativo alla missione annuale dell'Fmi in Italia.

Nel rapporto viene messo in evidenza come l'incidenza degli NPL nelle banche italiane si sia più che dimezzata, scendendo dal 16% del 2016 al 7,3% nel 2019. Ma si ricorda anche che il ratio degli stessi crediti deteriorati rimane a un livello doppio circa rispetto alla media europea e che la stessa media dei livelli di patrimonializzazione è più bassa di 1,5 punti.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967