Balzo PMI non scalda Piazza Affari, UBI protagonista a +3%. Male Mediobanca e Banco BPM

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

3 agosto 2020 - 10:35

MILANO (Finanza.com)

Segnali incoraggianti dal Pmi manifatturiero italiano, balzato a luglio a 51,9 a luglio dai 47,5 di giugno. Battute le attese che erano ferme a 51,2. Indicazioni che inizialmente hanno scaldato Piazza Affari con l'indice Ftse Mib che si era riportato in territorio positivo, ma negli ultimi minuti è ritornato in rosso a 19.080 punti (-0,05%).

In prima fila UBI Banca con +3,1% a 3,685 euro dopo il rally di venerdì a seguito della conclusione dell'OPS di Intesa Sanpaolo con adesioni superiori al 90%. Numeri che azioneranno il meccanismo di Sell-Out, ossia l'Opa residuale e quindi il delisting.

Male invece gli altri testimonial bancari a partire da Mediobanca (-3,39%) e Banco BPM (-1,81%).

Nel comparto industriale si muove bene Prysmian a oltre +2%. Bene anche FCA (+1,17% a 8,72 euro) dopo la perdita trimestrale di oltre 1 miliardo registrata nel secondo trimestre. Stasera attesi i dati sulle immatricolazioni Italia di luglio.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967