Petrolio: timori nuove sanzioni Usa, Venezuela e dati Opec portano WTI e Brent a nuovi record 2019

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

2 aprile 2019 - 07:33

MILANO (Finanza.com)

Attenzione ai nuovi massimi dell'anno testati dai prezzi del petrolio, con il contratto WTI scambiato a New York salito nella sessione della vigilia del 2,4% al nuovo record del 2019, pari a $61,89.

Acquisti anche sul Brent, avanzato fino a $69,29, nuovo massimo dell'anno anche in questo caso.

I rialzi sono stati sostenuti dai timori sull'offerta, alimentati dalla dichiarazione di un funzionario Usa, che ha affermato che Washington starebbe considerando di imporre nuove sanzioni contro l'Iran.

Un terminale chiave per le esportazioni di petrolio del Venezuela ha interrotto inoltre le proprie operazioni.

I prezzi del petrolio sono saliti anche sulla scia di un sondaggio pubblicato da Reuters, da cui è risultato che l'offerta di petrolio dell'Opec è scesa al minimo in quattro anni nel mese di marzo.

Al momento, i prezzi del Brent salgono dello 0,12% a $69,12, mentre quelli del WTI avanzano dello 0,28% a $61,76 al barile, allontanandosi lievemente dai massimi del 2019 testati nelle ore precedenti.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]