E' ancora l'hi-tech ad alimentare sell, a Hong Kong sottoindice tecnologico quasi -4%. Corre ancora il petrolio

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

8 marzo 2021 - 07:52

MILANO (Finanza.com)

L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo ha chiuso la sessione in calo dello 0,42% a 28.743,25 punti. Sotto pressione le borse di Shanghai con -1,78% e Hong Kong -1,35%, che cedono più dell'1%, a fronte di futures sul Nasdaq che ritracciano dell'1%. A Seoul il Kospi ritraccia dell'1%.

Boom dei prezzi del petrolio, che avanzano di oltre +2%, con il Brent che vola oltre la soglia dei $70 al barile.

Peggioramento del sentiment sull'azionario, dopo i guadagni iniziali, dovuto per l'ennesima volta alle vendite sui titoli hi-tech. Gli acquisti iniziali della borsa di Tokyo erano stati alimentati dai titoli bancari, con
Mitsubishi UFJ Financial Group in rialzo del 3,31%, Sumitomo Mitsui Financial Group in crescita fino a 2,48% e Nomura in rally di oltre +4%.

Le vendite sui tecnologici hanno più che compensato l'apporto positivo dei titoli bancari e a Hong Kong il sottondice dell'hi-tech Hang Seng Tech index è precipitato del 3,77%.

Boom per i prezzi del petrolio, con il Brent che supera anche la soglia dei 70 dollari, sulla scia di un mix di rinnovarsi di tensioni geopolitiche e di ottimismo per il mercato del lavoro Usa.

Incide ovviamente anche la decisione dell'OPec+, la scorsa settimana, di lasciare inalterata l'offerta di petrolio. Nel fine settimana, un drone ha attaccato inoltre un porto petrolifero saudita lanciando un missile balistico sugli impianti della Aramco, nella zona a est dell'Arabia Saudita. A comunicarlo è stato lo stesso ministero dell'energia saudita, che ha reso noto che "una delle aree di serbatoi di petrolio al porto di Ras Tanura, tra i porti petroliferi più grandi al mondo, è stata attaccata da un drone, proveniente dal mare". Attenzione inoltre alla minaccia che il ministro della Difesa iraniano Amir Hatami ha lanciato a Israele, con il ministro della difesa Amir Hatami che, nella giornata di ieri, ha affermato che Israele sa bene che, nel caso in cui dovesse concretizzarsi un attacco militare israeliano contro l'Iran, "noi raderemmo al suolo Tel Aviv e Haifa". Il contratto WTI scambiato a New York balza di oltre +2% a $67,47 al barile, mentre il Brent segna un rally del 2,16% a $70,89 al barile.

La scorsa settimana i maggiori produttori di petrolio hanno deciso di mantenere stabile la produzione di aprile. Solo la Russia e il Kazakistan potranno aumentare la produzione rispettivamente di 130.000 e 20.000 bl/d.

L'Arabia Saudita ha anche indicato che estenderà la sua riduzione volontaria della produzione di 1 milione di barili al giorno. La prossima riunione Opec+ è prevista per il 1 aprile per discutere i livelli di produzione per maggio. Gli analisti avevano previsto un aumento concordato dell'offerta fino a 1,5 milioni di barili al giorno.



Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967