Borsa Tokyo: indice Nikkei 225 crolla del 4%, sell off in Asia dopo tonfo Nasdaq

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

26 febbraio 2021 - 07:43

MILANO (Finanza.com)

L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo è crollato di quasi il 4% scontando, come il resto delle borse dell'Asia-Pacifico, il brusco calo del Nasdaq.

Il listino azionario giapponese ha sofferto un tonfo del 3,99%, chiudendo a 28.966,01 punti, mentre l'indice Topix è scivolato del 3,21% a 1.864,49 punti. Il Kospi sudcoreano è capitolato di oltre il 3%. L'ennesimo balzo dei tassi sui Treasuries americani ha affossato soprattutto il Nasdaq, che ha chiuso la seduta della vigilia crollando del 3,52% a 13.119,43 e riportando così la perdita più forte dal 28 ottobre scorso. Il Dow Jones Industrial Average è scivolato di 559,85 punti a 31,402.01 mentre lo S&P 500 è sceso del 2,45% a 3.829,34 punti.

In Asia bruschi smobilizzi hanno colpito i titoli tecnologici, sulla scia del sell off che si è abbattuto sul Nasdaq e sull'hi-tech Usa: alla borsa di Hong Kong Tencent ha perso il 3,18%, Xiaomi è crollata del 4,66%, Alibaba ha fatto -4,27%, Meituan -5,83%. Il sottoindice tecnologico della borsa di Hong Kong è affondato del 5% circa.

Il crollo del Nasdaq si spiega con l'ennesimo balzo dei tassi sui Treasuries Usa: i rendimenti hanno superato nell'arco di poche ore la soglia dell'1,45% schizzando anche oltre l'1,6%, all'1,614%, al record dal 14 febbraio del 2020. I rendimenti hanno poi ritracciato chiudendo comunque ai massimi in un anno all'1,51%, in rialzo di 12 punti base circa. I tassi a 30 anni sono balzati al 2,286%. A dispetto delle rassicurazioni del numero uno della Federal Reserve Jerome Powell, che sia al Senato che alla Camera ha smorzato i timori su un brusco rialzo dell’inflazione, i tassi sui titoli di stato americani continuano a salire.

I forti sell a Wall Street si spiegano con la paura di un brusco ritorno dell'inflazione negli Stati Uniti: tassi di interesse più elevati potrebbero portare inoltre gli investitori a uscire dall'azionario e a puntare sui bond, oltre a colpire, come sta accadendo, i titoli growth del settore hi-tech.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967