Borsa Tokyo ancora chiusa, preparativi per abdicazione imperatore. Asia sconta dati deludenti Cina

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

30 aprile 2019 - 08:27

MILANO (Finanza.com)

Prevale il segno meno sui listini azionari asiatici, orfani per l'intera settimana della borsa di Tokyo, chiusa in occasione della festa nazionale della Golden Week. Oggi è stato dato tra l'altro il via, in Giappone, alla cerimonia di abdicazione dell'imperatore Akihito.

Si tratta della prima abdicazione di un imperatore giapponese in 200 anni, che porterà al trono il nuovo imperatore Naruhito.

Il periodo di chiusura dei mercati giapponesi, iniziato il 27 aprile, durerà una decina di giorni, fino al prossimo 6 maggio.

In generale, l'azionario asiatico sconta la pubblicazione di dati macro poco confortanti relativi all'economia cinese.
Nel mese di aprile, l'indice Pmi manifatturiero della Cina stilato congiuntamente da Caixin e Markit si è attestato infatti a 50,2 punti, al di sotto dei 50,9 punti attesi. Il dato è peggiorato rispetto ai precedenti 50,8 punti.

Deludenti anche gli indici Pmi diramati dal governo di Pechino, con il Pmi manifatturiero ufficiale, sempre di aprile, rallentato a 50,1 punti dai 50,5 punti di marzo e peggiore dei 50,5 punti attesi, e il Pmi dei servizi a quota 54,3 punti, contro i 55 punti attesi e in calo rispetto ai 54,8 di marzo.

Tornando al Pmi manifatturiero stilato da Markit-Caixin, da segnalare che la componente rappresentata dai nuovi ordinativi è tornata in fase di contrazione, ovvero al di sotto della soglia di 50 punti, a conferma dell'indebolimento della domanda estera.

La borsa di Shanghai sale di appena +0,16%, mentre sono in rosso Hong Kong -0,58%, Sidney -0,44%, Seoul -0,46%.

Focus sulla trimestrale del colosso sudcoreano Samsung Electronics, che ha assistito a un calo del 60% dei suoi utili operativi, scontando la flessione dei prezzi dei semiconduttori e il rallentamento della domanda per i display.

Gli utili operativi si sono attestati a 6,2 trilioni di won (l'equivalente di $5,4 miliardi), in linea con i 6,2 trilioni di won attesi dal colosso all'inizio di questo mese.

Il giro d'affari è sceso del 13,5%, a 52,4 trilioni di won, anche in questo caso in linea con le stime precedentemente formulate. Il titolo ha contenuto le perdite a un calo -0,43% alla borsa di Seoul.

Oggi riprenderanno le trattative tra Usa e Cina per arrivare a un accordo finale volto a scongiurare l'escalation della guerra commerciale tra i due paesi. Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin aveva parlato nelle ultime ore di negoziati arrivati alla loro fase finale.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]