Tassi Bund a 10 anni ritracciano dopo record da marzo 2020, a febbraio balzo mensile più forte dal 2013

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

26 febbraio 2021 - 11:51

MILANO (Finanza.com)

La paura della reflazione - che continua a ossessionare Wall Street - ha contagiato in queste ultime settimane anche i titoli di stato dell'area euro. Oltre ai tassi sui BTP, che sono tornati attorno allo 0,80%, record degli ultimi quattro mesi, focus sui tassi decennali sui Bund tedeschi, che si apprestano a chiudere febbraio riportando il guadagno, su base mensile, più forte dal gennaio del 2013. I rendimenti sono arrivati a salire fino a -0,214% (rimanendo ancora negativi), al valore più alto valore più alto dal crash dei mercati del marzo del 2020.

I tassi decennali francesi sono saliti dall'inizio del 2021 di 40 punti base circa, tornando positivi per la prima volta dal mese di giugno, e i tassi decennali greci sono più che raddoppiati nell'arco delle ultime sette settimane, salendo oltre l'1,1%. La pressione si allenta tuttavia nella sessione odierna, con i tassi decennali dei Bund in calo di quasi 4 punti base a -0,267% e i tassi francesi e austriaci che sono tornati sotto lo zero.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967