Giappone: shock aumento Iva fa crollare il Pil del 6,3%

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Laura Naka Antonelli

17 febbraio 2020 - 06:24

MILANO (Finanza.com)

Stangata aumento Iva, risultato: il Pil del Giappone soffre la contrazione più forte dal 2014, ovvero in sei anni, nel corso del quarto trimestre del 2019. Su base annualizzata, il trend è stato di un tonfo del 6,3% rispetto al trimestre precedente. In media, i 34 economisti intervistati dal Centro giapponese di ricerca economica avevano previsto una contrazione del 3,55%.

Pessime le componenti del dato, in particolare le spese per consumi, capitolate dell'11,1% a causa dell'aumento dell'Iva imposto a ottobre dal governo di Shinzo Abe. L'imposta è stata aumentata dall'8% al 10%. Impatto sui consumi e sull'economia giapponese anche dal passaggio del tifone Hagibis, avvenuto anch'esso a ottobre.

Il dato precedente del Pil del terzo trimestre, su base annualizzata, era salito dell'1,8%.

Le spese in conto capitale sono crollate del 14,1% e le esportazioni sono scese dello 0,4%, sulla scia delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Su base trimestrale, il Pil del Giappone è sceso dell'1,6%, peggio della flessione -1% stimata e del precedente aumento dello 0,4%.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967