Piazza Affari corre ancora, UBI la migliore

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

11 febbraio 2020 - 17:45

MILANO (Finanza.com) Non conosce soste il rally di febbraio di Piazza Affari che oggi si accoda ai nuovi record toccati dagli indici di Wall Street. L’indice Ftse Mib è avanzato anche oggi andando a chiudere a 24.689 punti (+0,74%). Da inizio mese il progresso dell'indice guida di Piazza Affari segna oltre +6% con il segno più che ha sempre imperversato tranne un lieve ricacciamento venerdì.

A sostenere gli scambi la notizia che nella provincia di Wuhan il numero degli infettati è salito al ritmo minore dal primo febbraio. Rassicurano anche le parole di Jerome Powell pronunciate oggi nel corso della sua audizione alla Camera. Il governatore della Fed si è dichiarato soddisfatto dell'attuale livello dei tassi di interesse tra l'1,5% e l'1,75%, suggerendo che non si prevedono ulteriori tagli a meno che le condizioni economiche non cambino in modo significativo.

Tra i titoli del Ftse Mib è proseguita oggi la corsa di Banca Generali (+1,61%) già ieri in evidenza dopo la diffusione dei conti 2019. Male invece l'altro testimonial del risparmio gestito, Azimut, sceso di oltre l'1%.

Tra le banche exploit di UBI Banca con un rally di oltre +4%. In attesa del nuovo piano in arrivo lunedì prossimo, gli analisti hanno apprezzato i conti 2019 arrivati ieri. Banca Akros ha confermato il rating neutral alzando il target price da 2,9 a 3 euro.

Martedì da dimenticare invece per Fineco che è arrivata a cedere il 5,6% dopo la diffusione dei conti 2019. Fineco ha chiuso il 2019 con ricavi pari a 657,8 milioni di euro (+4,7% a/a) trainati dall’area investing (+9,8% a/a) con management fees in crescita del 11,7% grazie al contributo di Fineco Asset Management, alla maggiore incidenza dei Guided Products and Services e al continuo miglioramento della produttività della rete. L'utile netto è salito del 19,5% a 288,4 milioni, incluso beneficio fiscale derivante dal Patent Box stimato in circa 22 milioni. La società ha fatto sapere che verrà proposto un dividendo di 32 centesimi in aumento del 5,6% rispetto all'analogo periodo dell'anno passato. Secondo alcuni operatori, il mercato sembrerebbe concentrarsi proprio sul dividendo che non ha superato ma 'solo' centrato le attese del consensus a quota 32 centesimi.

Male oggi anche Moncler (-2,72%) che ha chiuso il 2019 con ricavi e utili in crescita. Il gruppo dei piumini guidato da Remo Ruffini ha fatto sapere di avere archiviato l'esercizio 2019 con un fatturato in aumento del 13% a 1,627 miliardi di euro (+15% a tassi di cambio correnti), con una crescita a doppia cifra anche nel quarto trimestre. Positivo anche l'Ebitda adjusted che è salito a 574,8 milioni dai 500,2 milioni dell'esercizio 2018, con l'Ebit che è aumentato del 15% a 475,4 milioni. Nell'esercizio 2019 l'utile netto di Moncler si è attestato a 361,5 milioni in rialzo del 9% rispetto ai 332,4 milioni del 2018. Proposto un dividendo di 0,55 euro, pari a complessivi 138,8 milioni di euro.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Ultime dai Blog

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it

Finanza.com_notizie