Milano chiude debole, Ferrari ultima della classe

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

10 settembre 2019 - 17:48

MILANO (Finanza.com) Piazza Affari chiude in affanno. L’indice Ftse Mib ha chiuso a 21.869 punti, on calo dello 0,55%. Gli investitori sono sempre più proiettati al meeting della Bce (giovedì 12 settembre) che dovrebbe annunciare nuove misure di stimolo. In generale sui mercati è tornata a prevalere la cautela con i deboli dati cinesi che hanno riacceso i timori di recessione globale.

Diversi titoli hanno segnato pesanti ribassi oggi, in particolare prese di profitto hanno colpito i titoli che presentano i migliori saldi da inizio anno. Giornata difficile soprattutto per Ferrari, con il titolo in ultima posizione sul Ftse Mib a 137,5 euro (-5,98%). Non c'è nessuna notizia in particolare che giustifichi la discesa repentina del titolo che paga qualche presa di beneficio. La Rossa ha presentato ufficialmente due nuovi modelli: 812 GTS e F8 Spider, ossia il terzo e quarto nuovo modello dei 5 previsti nel 2019 (contro la media di 4 all'anno nell’arco di piano). "Il prezzo al cliente finale riportato da fonti di stampa per il mercato italiano sarà rispettivamente di 336 mila euro (+15% vs 812 Superfast) e 262 mila euro (+6% vs 488 Spider), confermando il contributo positivo dell`effetto prezzo-mix (pur non essendo edizioni speciali)", rimarca Equita Sim che conferma Hold sul titolo. Le prime consegne dovrebbero essere a partire dal secondo semestre del 2020. Mediobanca Securities (rating Neutral, TP a 123 euro) sottolinea come la F8 Spider non dovrebbe essere particolarmente "value accretive" rispetto al prezzo medio di vendita, mentre l'812 Gts è piuttosto costoso e dovrebbe aiutare ad aumentare il prezzo medio di vendita del gruppo nei prossimi anni". L'impatto dei nuovi modelli si avrà a partire dal secondo semestre 2020.


Molto male anche Amplifon che ha ceduto oltre il 4% sul parterre di Piazza Affari. Già ieri il titolo era arretrato con decisione (-3,95%) la chiusura). Jefferies ha declassato Amplifon a hold rispetto al precedente giudizio buy.

Giornata difficile anche per Nexi (-4,14%) e Diasorin (-3,16%). Sul fronte opposto acquisti su alcune banche in una giornata che ha visto proseguire i rialzo dei rendimenti sull’obbligazionario, con tasso del Btp decennale tornato sopra l’1%. Oltre +1% per Intesa Sanpaolo e Bper, mentre Unicredit è scesa dello 0,38% dopo una prima parte di giornata in buon rialzo.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Ultime dai Blog

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]

Finanza.com_notizie