Milano arretra in avvio di ottava, male Tim e Prysmian

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

13 gennaio 2020 - 17:49

MILANO (Finanza.com) Chiusura debole per Piazza Affari con il Ftse Mib in calo dello 0,52% a quota 23.896 punti. Nel corso della giornata un'accelerazione al ribasso è arrivata dopo la notizia diffusa dal South China Morning Post, con Pechino che avrebbe rimarcato come "la guerra commerciale non è ancora finita" e che la firma di mercoledì sarà solo il primo round della partita. "Dobbiamo tener presente che la guerra commerciale non è ancora finita. Gli Stati Uniti non hanno revocato tutti i loro dazi sulla Cina e la Cina sta ancora rendendo esecutive le sue ritorsioni. Ci sono ancora molte incertezze".

Sul parterre di Piazza Affari nuovo passo falso di Telecom Italia arretrata del 2,4% in area 0,5121 euro. Tra i peggiori anche Prysmian (-2,14%) in scia ai nuovi problemi legati al collegamento Western Link che è stato interrotto lo scorso venerdì ed è attualmente non in funzione. “Prysmian informerà il mercato non appena ci saranno sviluppi”, si legge in una nota. Il Western Link è un progetto di collegamento ad alta tensione in corrente continua tra la Scozia, l’Inghilterra e il Galles e che raggiunge la tensione record di 600 kV, la classe più elevata, per un cavo isolato, mai messa in esercizio al mondo (ad oggi il massimo è 500 kV). “La notizia crea incertezza sul titolo fin quando non saranno chiarite le cause che hanno determinato la nuova interruzione”, rimarca Equita SIM.

Male anche il titolo Juventus (-1,3%) nonostante la vittoria all'Olimpico (2-1 contro la Roma) che le ha permesso di allungare a +2 sull'Inter alla fine del girone d'andata.

Tra i segno più spicca invece STM (+0,85%) grazie anche alla notizia che gli incentivi statali di Pechino per l’acquisto di veicoli elettrici non saranno ridotti a metà anno. La rassicurazione arriva da Miao Wei, ministro dell’industria cinese, che scaccia il timore che la Cina provveda al taglio degli incentivi a luglio 2020 così come fatto lo scorso anno. Una notizia positiva per i titoli esposti al settore dei veicoli elettrificati come STM in quanto costituisce un segnale di apertura da parte del governo cinese nel rivedere il sistema di incentivi.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Ultime dai Blog

Dopo la buona performance del 2019, l'indice Ftse Mib cosa farà nel 2020?
scenderà a 20.000 punti
rimarrà stabile intorno a 24.000 punti
salirà intorno a 26.000
schizzerà ai 30.000

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]

Finanza.com_notizie