CNH e Stellantis brillano sul Ftse Mib, male Enel

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

30 marzo 2021 - 18:06

MILANO (Finanza.com) Segno più anche oggi per la Borsa di Milano. L'indice Ftse Mib ha chiuso in progresso dello 0,88% a quota 24.636 punti, sui nuovi massimi a oltre 13 mesi. A sostenere i mercati azionari è l’ottimismo sulla ripresa economica attesa beneficiare dei progressi sul fronte vaccinale. In particolare negli USA il presidente Biden ha dichiarato che il 90% degli adulti sarà idoneo alla richiesta di vaccinazione entro il 19 aprile; per domani atteso l'annuncio del nuovo piano infrastrutturale Usa.

Impennata oggi per Moncler (+2,91% a 49,21 euro). A dare sprint al titolo del gruppo dei piumini è il giudizio positivo arrivato da Deutsche Bank. Gli analisti della casa d'affari tedesca hanno alzato il rating su Moncler a buy dal precedente hold. Rivisto al rialzo anche il prezzo obiettivo che passa da 52 a 55 euro.
Acquisti convinti anche su Cnh Industrial, che avanza del 4,34%a 13,465 euro in scia ad alcune indiscrezioni su Iveco. Secondo Bloomberg, citando non identificate persone a conoscenza dei fatti, i cinesi di FAW starebbero progredendo con la due diligence per arrivare a una potenziale offerta per Iveco entro i prossimi mesi, valutando anche le richieste del governo.
Giornata decisamente positiva anche per Unipol che a fine giornata ha accelerato a oltre +3% in area 4,80 euro. A dare slancio al titolo della compagnia assicurativa bolognese è la revisione al rialzo del prezzo obiettivo apportata oggi da Barclays. La banca d'affari britannica, che ha rating overweight su Unipol, ha alzato il target price da 5,60 a 5,90 euro e ritiene che ci sarà una review positiva delle stime di consenso sugli utili.

Nella galassia Agnelli sprint anche per Stellantis (+3,08%).

Bene anche le banche nel tentativo di rimbalzo dopo la giornata difficile di ieri. Banco Bpm guida il rally del comparto con un progresso del 2,21% a ridosso di quota 2,50 euro. Bene anche Unicredit (+2,01%) che non paga la polemica legata al mxi-compenso di 7,5 mln di euro al nuovo ceo Andrea Orcel previsto per il 2021. La società di consulenza Glass Lewis ha invitato a votare contro la politica di remunerazione del nuovo amministratore delegato. Nel dettaglio Orcel riceverà uno stipendio fisso annuo di 2,5 milioni di euro insieme a una remunerazione variabile fino al doppio dell'importo (5 mld) in azioni, secondo i documenti rilasciati prima dell'assemblea.
Sul fondo del listino invece le utility con Enel in calo dello 0,87% . Dalla Spagna arrivano indiscrezioni circa possibili oneri imprevisti per la controllata Endesa. El Periodico de la Energia riferisce che Endesa e il governo della Catalogna hanno firmato un accordo per la cancellazione del debito di oltre 35mila famiglie in condizioni di povertà energetica, corrispondente a un importo di 38,7 milioni di euro. Secondo l'articolo, l'onere sarà suddiviso tra Endesa (circa 28 milioni di euro) e il governo della Catalogna (10,6 milioni di euro).

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Dove andrà il Bitcoin alla fine del 2021?
crollerà a 10mila euro
sfonderà quota 100mila euro
salirà intorno ai 70mila euro
rimarrà intorno ai 40-50mila euro

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967

Finanza.com_notizie