Mercati e incertezze politiche: le strategie anti-spread per i portafogli

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Riccardo Designori

10 febbraio 2017 - 19:58

MILANO (Finanza.com)

Di seguito pubblichiamo un commento di mercato a cura di Riccardo Ambrosetti, Presidente di Ambrosetti Asset Management SIM. L’esperto nel suo contributo evidenzia come in queste prime settimane del 2017 il tema politico sia tornato prepotentemente al centro dell’attenzione degli investitori internazionali. All’interno di questo scenario particolarmente complesso, l’esperto evidenzia come sia possibile adottare strategie di investimento che permettano di ridurre il rischio di un incremento dello spread all’interno dei portafogli.



Lo spread BTP Bund ha marginalmente superato gli scorsi giorni la soglia dei 200 punti base. Il rischio francese di una vittoria della Le Pen, il riemergere di tensioni sulla Grecia, il braccio di ferro tra ministri tedeschi e BCE circa il mantenimento del QE, non ultimo l’instabilità politica italiana che ha in parte frenato il percorso di recupero di fiducia internazionale sono alcuni dei fattori che hanno portato a scaricare la tensione sui titoli governativi dei paesi più deboli, tra questi l’Italia che, ricordiamo, non è solo uno dei paesi più indebitati a livello pubblico al mondo ma, anche, uno dei principali emittenti di obbligazioni governative.


Questo tipo di tensione coinvolge anche in parte il sistema bancario domestico tipicamente molto esposto su questa classe di attivo. La classe di attivi interessata direttamente dall’andamento dello spread è, naturalmente, rappresentata dai titoli “simili”, in primis obbligazioni governative emesse da stati altrettanto aggredibili dalla speculazione oltre a obbligazioni di aziende che incorporano il medesimo rischio paese. Più difficile ipotizzare che un eventuale contagio possa coinvolgere obbligazioni di altra origine.


Dal punto di vista operativo sappiamo che la soglia 200 dello spread in oggetto, così come un rendimento del decennale italiano compreso tra il 2,30% ed il 2,50%, rappresentano per molti investitori una buona opportunità di tornare ad investire in obbligazioni italiane, considerando anche che tassi simili, garantiti da Stati principali, sono rintracciabili oggi solo investendo nel titolo governativo decennale Usa che, peraltro, incorpora un rischio cambio che i titoli italiani non hanno.


Tutto ciò premesso, occorre ricordare che l’andamento globale dei tassi, a livelli storici bassissimi in quasi tutte le latitudini, preannuncia una generalizzata salita degli stessi. Questo scenario non è favorevole ad allocazioni strategiche particolarmente sbilanciate verso il comparto.


Strategie “buy and hold” su titoli di stato, in particolare se con scadenze a medio-lungo termine, sono sconsigliabili. Ancor più accortezza nella diversificazione valutaria all’interno del comparto: ricordiamo che il rischio valutario rappresenta la maggior parte del rischio di tali forme di investimento e richiede una gestione altamente professionale.


La soluzione consigliabile consiste in una seria diversificazione delle strategie di investimento: riteniamo indispensabile il passaggio da modalità “cassettista in obbligazioni” ad un approccio più professionale che consideri investimenti azionari come un pilastro ineludibile ad una sana Asset Allocation ed una capacità dinamica di rivedere nei momenti più opportuni il posizionamento.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]