Italiani più disinvolti con l'internet banking ma ancora fedeli al contante

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

4 aprile 2019 - 15:52

MILANO (Finanza.com)

L’internet banking è un fenomeno in crescita e destinato ad acquistare sempre più peso anche in Italia, ma la scarsa consuetudine all’uso di questi strumenti e il timore di frodi o furti online limitano la portata del fenomeno e fanno sì che sia ancora il contante il metodo di pagamento più utilizzato. E' ciò che emerge dalla ricerca “Banche e sicurezza, tra mondo reale e digitale”, condotta da Friendz.

La ricerca rivela infatti che il contante è usato dall’83% degli intervistati, seguito da carta di debito come il Bancomat (43%), da carta di credito (20%), da carta prepagata ricaricabile (19%) e infine, al 4% si trovano le app di mobile payment. A questo si aggiunge l’evidenza che meno della metà degli intervistati, il 47%, ha attivato l’internet banking del proprio conto corrente.

Sicurezza online
Tra i maggiori freni alla penetrazione massiccia del pagamento digitale c’è il fattore sicurezza. Gli italiani sono consapevoli dei rischi, ma non si tutelano adeguatamente. Dall’indagine di Friendz emerge infatti che 4 persone su 10, tra coloro che effettuano abitualmente acquisti online, non sanno o non sono informate su come proteggersi da eventuali truffe e/o furti online. Il 42% di coloro che effettuano abitualmente acquisti online dichiara di affidarsi al sistema di tutela degli acquisti delle app che usano, l’8,5% si affida al sistema di tutela degli acquisti proposto dalla sua banca, il 7% a quello proposto dalla carta di credito e soltanto lo 0,9% ha sottoscritto un’assicurazione privata a questo proposito.

Pagamenti online: la prepagata vince su tutti
A queste evidenze è strettamente correlato il fatto che, chi fa acquisti sul web, in larga maggioranza (62%) usa una carta ricaricabile prepagata, per aggirare il rischio di vedere intaccato il proprio conto corrente da eventuali furti o truffe online. Dopo la prepagata, ma staccati di parecchi punti percentuali, si trova la carta di credito (25%), la carta di debito (20%), le giftcard (13%), con addirittura un 5% che afferma di chiedere ad altri di acquistare online per loro conto.

Le app per il trasferimento di denaro
Secondo la ricerca di Friendz il 29% del panel ha scaricato sul proprio device almeno una app per il trasferimento di denaro, una percentuale significativa, che però scende drasticamente al 4% quando si tratta di effettuare acquisti veri e propri: ancora una volta si evince una certa curiosità del panel verso le nuove frontiere digitali di mobile payment, ma alla fine il processo non giunge a conclusione e si preferisce affidarsi ai classici metodi di pagamento, già sperimentati. La principale qualità - evidenziata dal 49% degli utilizzatori - è la comodità: un servizio pratico e veloce, che chissà se sarà in grado nel prossimo futuro di convincere sempre più italiani ad adottarlo, abbandonando la tradizione del contante.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]