Pensione di cittadinanza per pochi, si guarderà a reddito familiare e immobili di proprietà

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

18 ottobre 2018 - 15:14

MILANO (Finanza.com)

la platea di beneficiari delle pensioni di cittadinanza rischia di essere molto più esigua di quanto dicano i numeri ufficiali di chi ad oggi vanta assegni pensionistici inferiori alla soglia dei 780 euro. In generale ammontano a oltre 4 milioni e mezzo le pensioni minime attualmente inferiori ai 750 euro al mese, ma per usufruire dell'integrazione prevista dal reddito di cittadinanza bisognerà rispettare dei requisiti aggiuntivi.

Il Messaggero stima che l'incremento a 780 euro sarà solo per 700mila fortunati, concentrati in 550mila nuclei familiari, per un costo a carico dello Stato di 2 miliardi di euro.

Il motivo di un numero così ridotto è la scrematura che avverrà in base agli immobili posseduti: solo se il reddito familiare sarà sotto i 9.360 euro annuali, e non si avranno immobili di valore superiore a 30mila euro oltre la casa di abitazione, si avrà diritto al sussidio.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]