Con nuove tecnologie meno sinistri ma anche nuovi scenari di responsabilità per aziende

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

30 marzo 2017 - 16:54

MILANO (Finanza.com)

Secondo il rapporto “Global Claims Review: Liability” curato da Allianz le cause principali di danni a terzi per le aziende a livello mondiale sono i difetti di produzione o di costruzione (23% del valore di tutti gli indennizzi), le collisioni (22%) e gli errori umani (19%). In Italia, dal punto di vista del numero dei sinistri, gli incidenti per Scivolamenti/cadute/caduta di oggetti (16%) e i difetti di produzione/costruzione (15%) sono le cause principali dei danni a terzi per le aziende.
Il rapporto, che si basa sull'analisi dei sinistri, sottolinea come la digitalizzazione e lo sviluppo della "shared economy" aprono nuovi scenari di responsabilità. Nel futuro, la digitalizzazione e l'uso crescente delle nuove tecnologie potrebbero condurre ad una trasformazione ulteriore nel panorama delle responsabilità. Nel complesso, si prevede che la frequenza dei sinistri diminuisca poiché le nuove tendenze - quali la guida autonoma - migliorano la sicurezza nelle strade. Tuttavia, la tecnologia porterà con sé nuovi rischi come un aumento di quelli informatici, di responsabilità e richiamo prodotti. I processi di automazione potrebbero portare ad un aumento della responsabilità prodotti per i produttori di macchinari e i fornitori di software.
Le nuove leggi sulla protezione dei dati riguardo all'uso scorretto o alla violazione dei dati aumenteranno la responsabilità informatica per le aziende; ciò potrebbe dare luogo a importanti multe e sanzioni, particolarmente in Europa a partire dal 2018, ma anche altrove. Anche la crescente shared economy apre nuovi scenari di responsabilità. "Ad esempio, un incidente stradale che coinvolge un veicolo in car-sharing potrebbe impattare anche sul produttore del veicolo – sottolinea Peter Oenning, Global Head of Liability Claims di AGCS - il fornitore del software e l'operatore del parco auto, ma anche sui terzi coinvolti nell'incidente. Questo renderebbe le responsabilità potenzialmente più difficili da individuare e i sinistri necessiterebbero di un'analisi più complessa". Uno scenario di incidente di questo tipo richiede una gestione del sinistro che comprenda i sensori e gli algoritmi per determinarne la causa. Considerato che le richieste di indennizzo diventano sempre più complesse e tecniche, investire sulla competenza ed esperienza dei liquidatori diventa sempre più importante.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Sondaggi

Intesa ci ripensa: niente integrazione con Generali. Ora cosa succede?
Intesa ha fatto bene per i suoi azionisti
Generali può continuare benissimo da sola
Arrivera' OPA da altri big UE
Intesa ci ripenserà
Non so non rispondo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]