Allianz Risk Barometer 2017: per le imprese in Italia sale il timore di disastri naturali

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessandro Piu

12 gennaio 2017 - 12:36

MILANO (Finanza.com)

Interruzioni di attività, cambiamenti nei mercati e rischi informatici sono, a livello globale, i rischi più temuti dalle società. È ciò che emerge dal sesto sondaggio annuale Allianz Risk Barometer, realizzato da Allianz Global, Corporate & Specialty

L'interruzione delle attività rimane il rischio principale per il quinto anno consecutivo (37% delle risposte a livello globale e 36% in Italia) soprattutto perché può provocare perdite di reddito significative, ma anche perché emergono nuove cause scatenanti, quali i danni immateriali o i rischi intangibili, come gli attacchi informatici e l’interruzione delle attività dovuta a instabilità politiche, scioperi o attacchi terroristici.

In seconda posizione l'imprevedibilità del contesto economico, laddove i mercati sono volatili e crescono i rischi politici come il protezionismo o il terrorismo. Altre preoccupazioni crescenti riguardano le nuove tecnologie e i rischi informatici (3° posizione), ma anche le catastrofi naturali, in quarta posizione a livello globale ma in terza per quanto riguarda l’Italia.

"I terremoti verificatisi nel centro Italia nel corso del 2016 hanno sicuramente aumentato la percezione del rischio, nonché riacceso le discussioni su come migliorare la prevenzione e finanziare meglio i rischi in modo da dipendere meno dagli aiuti del governo, che sono sempre più difficili da ottenere in questo periodo di limitazioni di bilancio" – commenta Nicola Mancino, amministratore delegato di AGCS Italia.

“Le catastrofi naturali e il cambiamento climatico preoccupano i nostri clienti e le società in generale", conferma Axel Theis, membro del Consiglio amministrativo di Allianz SE."Riteniamo che il riscaldamento climatico superiore a 1,5 gradi possa intensificare in modo significativo i danni climatici come, ad esempio, le ondate di calore e l’innalzamento del livello del mare. Come assicuratori, è nostro compito sviluppare soluzioni per queste eventualità e creare una prevenzione e protezione per i nostri clienti e partner pubblici, avvalendosi anche della loro collaborazione".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Intesa ci ripensa: niente integrazione con Generali. Ora cosa succede?
Intesa ha fatto bene per i suoi azionisti
Generali può continuare benissimo da sola
Arrivera' OPA da altri big UE
Intesa ci ripenserà
Non so non rispondo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]