Scheda ETF

Nome: db x-trackers Euro Stoxx 50 Ucits ETF (DR) 1D

Dati principali

Nome: db x-trackers Euro Stoxx 50 Ucits ETF (DR) 1D
Sottostante: Euro Stoxx50
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: DB x-trackers
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 35,43 EUR   Data: 18.9.2018   Massimo (giorno): 35,61   Minimo (giorno): 35,305

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,09%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,9 EUR
Data stacco dividendo 25/7/2013
Descrizione e commento:
Il db x-trackers Euro Stoxx 50 Ucits ETF (DR) 1D è un fondo a gestione passiva della categoria azionari Europa (area euro) che replica l’andamento dell’indice DJ Euro Stoxx50, costituito dalle 50 blue chip dell’Unione monetaria. Questo strumento appare indicato per chi è alla ricerca di un investimento focalizzato sulle blue chip europee con un livello di diversificazione piuttosto contenuta. Lo strumento prevede la distribuzione periodica dei dividendi.
Sintesi:
Il db x-trackers Euro Stoxx50 è un Etf adatto a chi sia interessato ad effettuare un investimento focalizzato sulle blue chip dell’area euro, aziende di grandi dimensioni e caratterizzate da una forte propensione al mercato internazionale, consentendo una sufficiente diversificazione geografica e settoriale.
Indice sottostante:
L’indice Euro Stoxx 50 è composto dai cinquanta principali titoli delle maggiori società dell’area euro, tutte caratterizzate da una elevata propensione al commercio internazionale. Il fondo è denominato in euro anche se la forte internazionalizzazione delle aziende che ne fanno parte rende la dinamica dei rapporti tra euro e le diverse valute internazionali piuttosto complessa. La diversificazione complessiva dell’investimento appare piuttosto contenuta sia per il numero non particolarmente elevato di azioni che compongono il paniere, sia per la allocazione settoriale che appare maggiormente esposta verso il comparto finanziario, energetico, utilities e tlc. A livello geografico i paesi maggiormente rappresentati sono Germania e Francia, che raggiungono ciascuna quasi il 25% del peso complessivo. Seguono Italia, Olanda e Spagna, che pesano singolarmente meno del 15% dell’intero paniere.stor
Strategia:
Questo Etf appare adatto a chi voglia assumere un’esposizione verso le maggiori aziende del Vecchio continente senza volersi far carico del rischio di cambio (almeno quello diretto). L’investimento risulterà maggiormente premiante se effettuato in una fase storica caratterizzata da tassi di interesse contenuti o perlomeno stabili. E' inoltre adatto alle fasi caratterizzate da espansione economica globale per la preponderante presenza dei titoli finanziari e per il forte tasso di internazionalizzazione delle imprese in esso contenute.
Fattori di rischio:
Il rendimento di questo Etf è correlato positivamente all’andamento del ciclo economico internazionale ed è favorito da bassi tassi di interesse. Il rendimento è penalizzato dall’aumento di prezzo delle materie prime per la quasi totale assenza di società operanti nel settore. Il peso non trascurabile del comparto energetico lo favorisce però nel caso di rialzo del prezzo del greggio. L’Etf non è esposto direttamente al rischio di cambio visto che tutte le aziende che compongono l’indice sottostante fanno parte della zona euro.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]