Scheda ETF

Nome: Db x-trackers Dax Ucits ETF (DR) 1C

Dati principali

Nome: Db x-trackers Dax Ucits ETF (DR) 1C
Sottostante: Dax Index
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: DB x-trackers
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 117,82 EUR   Data: 17.8.2018   Massimo (giorno): 118,68   Minimo (giorno): 117,7

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,09%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il db x-trackers Dax Ucits ETF (DR) si pone l’obiettivo di replicare tramite una gestione passiva l’indice delle blue chip tedesche Dax, costituito dalle trenta principali azioni selezionate in base a capitalizzazione e liquidità. L’ETF è definito in euro, come anche il sottostante, e dunque non vi è rischio cambio se non indiretto, dovuto all’influenza che questo può avere sui risultati di imprese fortemente internazionalizzate.
Sintesi:
Il db x-trackers Dax Ucits ETF (DR) è adatto a chi voglia investire nella principale economia europea in fasi di sviluppo e crescita economica e a chi voglia diversificare il proprio portafoglio.
Indice sottostante:
L’indice Dax riunisce le 30 azioni a maggiore capitalizzazione e liquidità quotate a Francoforte. La valuta di riferimento è l’euro e l’indice può risentire di fasi di forte apprezzamento della valuta del Vecchio continente nei confronti di altre divise. Le imprese che ne fanno parte sono infatti fortemente internazionalizzate e l’export è uno dei punti forti della Germania. Dal punto di vista settoriale è il comparto finanziario ad avere il maggiore peso nell’indice. Quote rilevanti sono occupate dai settori consumi ciclici, industriali e tecnologici.
Strategia:
Questo ETF permette di prendere un piena esposizione sul mercato azionario tedesco. Può essere inserito in un portafoglio contenete altri strumenti finanziari, mentre è più rischioso detenerlo da solo in quanto la diversificazione geografica è praticamente inesistente, nonostante le imprese siano dei colossi internazionali con interessi in ogni parte del globo. Adatto alle fasi espansive del ciclo economico globale, quando la domanda per le imprese è in crescita, risulta penalizzato dagli incrementi dei tassi di interesse anche per il preponderante peso dei comparti finanza e consumi ciclici.
Fattori di rischio:
L'investimento risulta correlato all’andamento del ciclo economico, il cui rallentamento si riflette sulla redditività delle imprese tedesche. Il rischio cambio esiste solo in maniera indiretta. L’indice e l’Etf sono quotati in euro e solo apprezzamenti decisi della valuta del Vecchio continente possono mettere in difficoltà le aziende componenti, tutte fortemente internazionalizzate e grandi esportatrici di prodotti. Sensibile anche la dipendenza dal ciclo economico globale, per la stessa ragione. L’incremento dei tassi di interesse ha un effetto sostanzialmente negativo sull’indice.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]