Scheda ETF

Nome: db x-trackers Msci EMU Ucits ETF (DR)

Dati principali

Nome: db x-trackers Msci EMU Ucits ETF (DR)
Sottostante: MSCI EMU
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: DB x-trackers
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 37,71 EUR   Data: 19.10.2018   Massimo (giorno): 37,785   Minimo (giorno): 37,385

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,15%
Armonizzato
Dividendo distribuito 0,42 EUR
Data stacco dividendo 25/7/2013
Descrizione e commento:
Il db x-trackers Euro Stoxx 50 UCITS ETF (DR) è un fondo della categoria azionari europa (area euro) che replica, con una gestione passiva, l’indice MSCI EMU. L'ETF utilizza un metodo di replica fisica completa dell’indice di riferimento e non fa dunque ricorso a derivati. Non è prevista la distribuzione di dividendi.
Sintesi:
E' un ETF adatto a chi cerca un investimento focalizzato sulle blue chip area euro, aziende di grandi dimensioni e fortemente internazionalizzate.
Indice sottostante:
L’indice MSCI EMU Index è un indice concepito per riflettere l’andamento dei mercati azionari di 10 paesi appartenenti all’Unione Economica e Monetaria Europea (UEM), ossia Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. La ponderazione di una società nell’indice dipende dalla capitalizzazione relativa del mercato azionario in cui è quotata.
Strategia:
E' indicato per effettuare un investimento focalizzato per area geografica e dimensionalità delle imprese. E' adatto alle fasi di espansione economica globale per la preponderante presenza dei titoli finanziari e la forte internazionalizzazione delle imprese in esso contenute. Il legame con la moneta unica lo espone alle oscillazioni dell’euro una cui rivalutazione eccessiva sfavorisce le blue chip dell’area. La copertura settoriale è buona anche se il numero di titoli è basso e concentrato su tre sole nazioni.
Fattori di rischio:
Il fondo risente negativamente dell’aumento di prezzo delle materie prime per l'assenza di società operanti nel settore mentre il peso non trascurabile del comparto energetico lo favorisce in caso di rialzo del prezzo del barile.

Sondaggi

Quali effetti dopo la manovra del Governo che porta il deficit al 2,4%
Il provvedimento viene bocciato dalla Ue
Aumenta lo spread Btp/Bund
Il Governo conferma il provvedimento
Le agenzie di rating tagliano il giudizio
Non cambia nulla sui mercati
Cresce il consenso del Governo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]