Scheda ETF

Nome: Source Stoxx Europe 600 Optimised Bank Ucits ETF

Dati principali

Nome: Source Stoxx Europe 600 Optimised Bank Ucits ETF
Sottostante: Stoxx Europe 600 Optimised Bank
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: Source
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 60,48 EUR   Data: 18.1.2019   Massimo (giorno): 60,48   Minimo (giorno): 60,45

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Source Stoxx Europe 600 Optimised Bank Ucits ETF permette di prendere posizione sulle banche europee replicando l'andamento dell'indice Stoxx Europe 600 Optimised Bank. Non è prevista la distribuzione di dividendi.
Sintesi:
Il Source Stoxx Europe 600 Optimised Bank Ucits ETF permette un investimento focalizzato sul comparto bancario europeo. I principali rischi dell’investimento sono legati all’andamento del ciclo economico e all'andamento dei tassi di interesse.
Indice sottostante:
L’indice Stoxx Europe 600 Optimised Bank è ricavato dall’indice STOXX Europe 600 Supersector Banks offre una rappresentazione dei principali titoli settoriali (banche) dello STOXX Limited sulla base degli standard di classificazione settoriale ICB (Industry Classification Benchmark) e rileva il mantenimento o il miglioramento della liquidità e la diversificazione per Paese dell’indice STOXX Europe 600. L’indice è ottimizzato nel senso che applica una capitalizzazione per liquidità specifica per il settore, volta a ridurre il peso dei soli componenti il cui fatturato giornaliero medio, quale frazione della capitalizzazione di mercato per il flottante libero (“free float”), è al di sotto della media del settore.
Strategia:
Questo Etf è adatto a chi voglia uno strumento finanziario focalizzato sul settore bancario del vecchio continente. Appare adatto alle fasi di crescita economica quando le politiche monetarie espansive tendono a premiare le aziende del comparto finanziario. L’investimento appare invece meno indicato, almeno a livello teorico, nelle fasi di crescita dei tassi di interesse. La diversificazione settoriale è nulla: l’Etf può però essere inserito all’interno di un portafoglio con il fine di aumentare la diversificazione settoriale dell’investimento complessivo.
Fattori di rischio:
Il rendimento dell’Etf è correlato in maniera diretta al ciclo economico, per cui l’avvio di un periodo di stagnazione potrebbe penalizzare questa tipologia di investimento. Il rischio cambio, seppur contenuto, è da tenere ben presente in quanto l’investimento risentirà dell’andamento dei cambi euro-sterlina, euro-franco svizzero ed in minima parte euro-corona svedese.

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]