Scheda ETF

Nome: Powershares S&P 500 Veqtor Ucits ETF

Dati principali

Nome: Powershares S&P 500 Veqtor Ucits ETF
Sottostante: S&P 500 Dynamic Veqtor TR
Mercato di riferimento: Azionario Usa
Emittente: PowerShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 23,07 EUR   Data: 7.11.2018   Massimo (giorno): 23,07   Minimo (giorno): 23,07

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,39%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il PowerShares S&P 500 VEQTOR Ucits ETF si pone l’obiettivo di ottenere rendimenti positivi da mercati azionari statunitensi in fase di crescita e ridurre in parte le potenziali perdite quando i mercati rallentano. L’ETF effettua una replica fisica dell’S&P 500 Dynamic VEQTOR Index, un indice che ripartisce dinamicamente l'esposizione “long-only” tra l'S&P 500 Index, l'S&P VIX Short-Term Futures Index e la liquidità. Durante le fasi di bassa volatilità una porzione consistente degli attivi del fondo sarà investita nella componente azionaria, mentre quando la volatilità sarà più marcata buona parte degli attivi andrà nella componente volatilità che comunque non potrà superare il 40% del totale. L'indice S&P 500 Dynamic VEQTOR incorpora inoltre un meccanismo di “stop loss”: se le perdite dell’indice sono pari o superiori al 2% per cinque sedute, l'intera allocazione viene rivista e spostata sulla liquidità o strumenti equivalenti, con l’obiettivo di ridurre e contenere le perdite. Il fondo ripristinerà un'allocazione dinamica tra azioni e volatilità non appena le perdite dell'indice scenderanno sotto il 2%.
Sintesi:
Il PowerShares S&P 500 VEQTOR Ucits ETF consente di investire sulle maggiori società statunitensi con un'allocazione dinamica tra tre componenti (azioni, volatilità e liquidità) in funzione della volatilità.
Indice sottostante:
L'indice S&P 500 Dynamic VEQTOR effettua un'allocazione dinamica tra tre componenti in funzione della volatilità: la componente azionaria è rappresentata dall'indice S&P 500; la componente di volatilità è rappresentata dallo S&P 500 VIX Short-Term Futures Index; quella liquidità dal tasso Libor overnight.
Strategia:
Lo strumento rappresenta una valida opportunità per investire su titoli statunitensi a larga capitalizzazione, con un’alta rappresentatività dell’intero mercato. Il fondo presenta inoltre una gestione dinamica che si prefigge di attenuare gli effetti negativi di un aumento della volatilità del mercato azionario statunitense con la possibilità di investire fino al 40% del totale sull’S&P 500 VIX Short-Term Futures Index, decorrelato negativamente all’S&P500.
Fattori di rischio:
Considerato il relativamente basso livello di indebitamento delle aziende raggruppate nell’indice, si registra un effetto contenuto di variazioni dei tassi d’interesse, mentre più forte appare, soprattutto per un investitore europeo, l’effetto cambio. Oltre che con riferimento alla denominazione in dollari dello strumento, occorre infatti considerare che le società appartenenti all’indice producono buona parte dei loro ricavi all’estero, e nel caso di un apprezzamento della divisa americana possono risentire di esportazioni statunitensi che diventano meno convenienti per il resto dei consumatori.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]