Scheda ETF

Nome: Ossiam ETF Us Minimum Variance

Dati principali

Nome: Ossiam ETF Us Minimum Variance
Sottostante: US Minimum Variance Index Net Return
Mercato di riferimento: Azionario Usa
Emittente: Ossiam
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 183,02 EUR   Data: 14.11.2018   Massimo (giorno): 183,02   Minimo (giorno): 183,02

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,65%
Armonizzato
Dividendo distribuito No
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'Ossiam ETF Us Minimum Variance permette di investire sull'azionario statunitense con le azioni che vengono selezionate tra quelle dell'S&P 500 che presentano minore volatilità e con delle correlazioni storiche tra titoli abbastanza basse da consentire una riduzione del profilo di rischio.
Sintesi:
Questo ETF consente di prendere posizione sulle maggiori società statunitensi. Le azioni che vengono selezionate tra quelle dell'S&P 500 che presentano minore volatilità e con delle correlazioni storiche tra titoli abbastanza basse da consentire una riduzione del profilo di rischio.
Indice sottostante:
L’indice Ossiam US Minimum Variance calcola la performance net total return di una selezioni di titoli, compresi nell’indice S&P 500, che sono tra i più liquidi e che vengono ponderati al fine di minimizzare la volatilità del portafoglio complessivo. L’indice è calcolato e pubblicato in tempo reale e a fine giornata da Standard & Poor’s.
Strategia:
Lo strumento si configura come una valida opportunità per investire su titoli statunitensi a larga capitalizzazione, con un’alta rappresentatività dell’intero mercato. La strategia "minimum variance" permette di ridurre ulteriormente la rischiosità dell'investimento andando a selezionare le azioni dell'S&P 500 con minore volatilità e bassa correlazione tra loro.
Fattori di rischio:
L'investitore domestico deve tenere presente l’effetto cambio. Oltre che con riferimento alla denominazione in dollari dello strumento, occorre infatti considerare che le società appartenenti all’indice producono buona parte dei loro ricavi all’estero, e nel caso di un apprezzamento della divisa americana possono risentire di esportazioni statunitensi che diventano meno convenienti per i consumatori mondiali.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]