Scheda ETF

Nome: Lyxor UCITS ETF STOXX Europe 600 Media

Dati principali

Nome: Lyxor UCITS ETF STOXX Europe 600 Media
Sottostante: Stoxx Europe 600 Media
Mercato di riferimento: Indici settoriali
Emittente: Lyxor
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 34,005 EUR   Data: 6.11.2018   Massimo (giorno): 34,005   Minimo (giorno): 34,005

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,66 EUR
Data stacco dividendo 6/7/2011
Descrizione e commento:
il Lyxor UCITS ETF STOXX Europe 600 Media replica l’indice Stoxx Europe 600 Media, indice azionario europeo composto dai titoli delle società europee attive nel settore dei media. Lo strumento permette quindi un investimento concentrato sul settore radiotelevisivo e dell’editoria.
Sintesi:
L’Etf permette di effettuare un investimento concentrato sul settore europeo dei media. Rappresenta uno strumento adatto ad amplificare i rendimenti del mercato durante le fasi economiche espansive. La focalizzazione su un unico comparto ne fa comunque uno strumento da inserire necessariamente in un portafoglio diversificato.
Indice sottostante:
Lo Stoxx Europe 600 Media è costituito dalle maggiori società europee attive nel settore dei media sulla base della capitalizzazione di mercato. L’indice, che comprende tra i 30 e i 40 titoli, vede una netta prevalenza di titoli di società francesi e britanniche, che insieme hanno un peso di oltre il 70% all’interno del portafoglio. All’interno del paniere si osserva una concentrazione piuttosto contenuta, con l’unica eccezione di Vivendi, titolo verso il quale l’indice ha un’esposizione superiore al 15%.
Strategia:
Lo strumento si presenta fortemente correlato con l’andamento del ciclo economico. E’ pertanto indicato in previsione dell’avvio di fasi d’espansione, durante le quali il settore storicamente sovraperforma il mercato.
Tuttavia per la focalizzazione esclusiva sul settore media l’Etf si deve necessariamente configurare come complemento a un portafoglio d’investimento diversificato. E proprio la diversificazione settoriale è il fine principale per cui può essere utilizzato lo strumento.
Fattori di rischio:
I titoli del settore media mostrano un’elevata volatilità relativamente ai listini di appartenenza, amplificando le variazioni al rialzo, ma anche quelle al ribasso, degli indici azionari. Lo strumento è esposto negativamente a un rallentamento del ciclo economico. L’Etf potrebbe risentire di una fase di rialzo dei tassi d’interesse in considerazione di maggiori oneri finanziari che colpirebbe un settore caratterizzato mediamente da un elevato indebitamento. La forte presenza di società britanniche rende rilevante l’esposizione verso il tasso di cambio tra euro e sterlina inglese. L’esposizione verso variazioni nei prezzi delle materie prime è unicamente quella derivante da una contrazione generale dell’attività economica.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]