Scheda ETF

Nome: Ubs ETF - MSCI Japan Infrastructure 20/35 UCITS ETF (JPY) I-dis

Dati principali

Nome: Ubs ETF - MSCI Japan Infrastructure 20/35 UCITS ETF (JPY) I-dis
Sottostante: MSCI Japan Infrastructure 20/35 Index
Mercato di riferimento: Tematici
Emittente: UBS
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 0 EUR   Data:   Massimo (giorno): 0   Minimo (giorno): 0

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,48%
Armonizzato
Dividendo distribuito 7792,4638 JPY
Data stacco dividendo 31/7/2013
Descrizione e commento:
L'Ubs ETF - MSCI Japan Infrastructure 20/35 UCITS ETF (JPY) I-Dis replica l'indice MSCI Japan Infrastructure TRN che raggruppa i titoli più importanti del settore delle infrastrutture quotati in Giappone. Questo Etf si rivolge a chi vuole puntare su un settore considerato aciclico e difensivo. E' prevista la distribuzione dei dividendi su base semestrale. Questo ETF fa parte della Classe “I” degli UBS ETF con TER (Total Expense Ratio) contenuto e valore minimo di sottoscrizione più elevato rispetto alla Classe "A", è quindi rivolto a investitori istituzionali o anche a investitori retail facoltosi.
Sintesi:
L'Ubs ETF - MSCI Japan Infrastructure 20/35 UCITS ETF (JPY) I-dis è adatto a chi vuole effettuare un investimento focalizzato sul comparto delle maggiori aziende quotate in Giappone e operanti nel campo delle infrastrutture.
Indice sottostante:
L'indice MSCI Japan Infrastructure TRN è basato sulla capitalizzazione di mercato rettificata
per il flottante composto da società giapponesi quotate operanti nel settore delle infrastrutture. I titoli sono rettificati per il flottante, classificati secondo i Global Industry Classification Standard e vagliati in termini di dimensioni, liquidità e flottante minimo.
Strategia:
Questo Etf permette un investimento focalizzato sul settore delle infrastrutture, un comparto tipicamente difensivo e aciclico. Lo strumento è favorito dalla forte necessità che di tali dotazioni hanno i Paesi in via di sviluppo, come Cina. Si tratta di aziende che operano soprattutto in situazione di monopolio o in regime di concessione, in settori caratterizzati da alte barriere all’entrata.
Fattori di rischio:
La diversificazione settoriale è limitata. Da tenere conto soprattutto il rischio cambio euro/yen.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]