Scheda ETF

Nome: iShares Uk Property Ucits ETF

Dati principali

Nome: iShares Uk Property Ucits ETF
Sottostante: Ftse Epra/Nareit Uk Property Fund Index
Mercato di riferimento: Real Estate
Emittente: iShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 6,603 EUR   Data: 18.10.2018   Massimo (giorno): 6,605   Minimo (giorno): 6,549

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,40%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,0278 GBP
Data stacco dividendo 23/10/2013
Descrizione e commento:
L'iShares Uk Property Ucits ETF consente di replicare attraverso una gestione passiva l’andamento dell’indice sottostante Ftse Epra/Nareit Uk Property Fund, un indice che seleziona le società ed i fondi del comparto immobiliare (REITs) con sede nel Regno Unito. L’investimento consente quindi di assumere un’esposizione diretta sulle società britanniche più importanti del settore Real Estate.
Sintesi:
L’iShares Uk Property Ucits ETF è indicato a chi voglia assumere un’esposizione diretta nelle principali società immobiliari del Regno Unito. L’investimento è caratterizzato da una completa concentrazione geografica e settoriale e appare quindi indicato per costituire una percentuale contenuta di un portafoglio finanziario con il fine di aumentarne la diversificazione complessiva.
Indice sottostante:
L’indice Ftse Epra/Nareit Uk Property è composto dalle principali società e azioni e dai fondi del comparto immobiliare con sede nel Regno Unito. La concentrazione geografica dell’indice è acuita dal fatto che la denominazione del comparto sia definita in sterline.
Strategia:
Questo Etf consente di puntare sul settore immobiliare che ha una correlazione contenuta rispetto agli indici azionari e obbligazionari. Lo strumento appare quindi adatto per aumentare la diversificazione complessiva di un portafoglio finanziario, costituendo uno strumento efficace per ricercare un rendimento positivo anche quando i mercati mobiliari attraversano fasi di stagnazione.
Fattori di rischio:
L’investimento è direttamente esposto all’andamento del mercato immobiliare del Regno Unito e risulterà premiante se effettuato dalle fasi di espansione del ciclo economico caratterizzate da bassi tassi di interesse. Il rendimento, almeno in teoria, dovrebbe risentire negativamente dell’avvio di politiche restrittive, quando l’aumento dei tassi di interesse penalizza l’investimento in beni tipicamente durevoli come quelli immobiliari, che spesso comportano l’accensione di mutui per finanziare l’investimento. L’Etf comporta, per l’investitore domestico, l’esposizione diretta al rischio di cambio ed in particolare alle fluttuazioni del cambio euro sterlina.

Sondaggi

Quali effetti dopo la manovra del Governo che porta il deficit al 2,4%
Il provvedimento viene bocciato dalla Ue
Aumenta lo spread Btp/Bund
Il Governo conferma il provvedimento
Le agenzie di rating tagliano il giudizio
Non cambia nulla sui mercati
Cresce il consenso del Governo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]