Scheda ETF

Nome: L'Ubs ETF - STOXX Global Rare Earth Ucits ETF (USD) I-Dis

Dati principali

Nome: L'Ubs ETF - STOXX Global Rare Earth Ucits ETF (USD) I-Dis
Sottostante: STOXX Global Rare Earth TRN
Mercato di riferimento: Indici settoriali
Emittente: UBS
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 1536 EUR   Data: 23.1.2014   Massimo (giorno): 1536   Minimo (giorno): 1536

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,45%
Armonizzato
Dividendo distribuito 4,4562 USD
Data stacco dividendo 31/7/2013
Descrizione e commento:
L'Ubs ETF - STOXX Global Rare Earth Ucits ETF (USD) I-Dis replica l'indice sottostante STOXX Global Rare Earth TRN, che raccoglie le società specializzate nell'esplorazione e lavorazione delle terre rare. Questo Etf fa parte della Classe “I” degli Ubs Etf con Ter (Total Expense Ratio) contenuto e valore minimo di sottoscrizione più elevato rispetto alla Classe "A", è quindi rivolto a investitori istituzionali o a investitori retail facoltosi. Il fondo utilizza un metodo di replica fisica dell’indice di riferimento e non fa dunque ricorso a derivati. Infine, è prevista la distribuzione di dividendi su base semestrale.
Sintesi:
Questo fondo è destinato a un investitore che cerca una valorizzazione del suo capitale sul lungo termine e che vuole esporsi alle terre rare. Questo investimento è caratterizzato dall’esposizione diretta al rischio di cambio euro/dollaro.
Indice sottostante:
Lo STOXX Global Rare Earth è un indice che misura la performance di società che generano
almeno il 30% dei ricavi nel settore delle terre rare, definito come il comparto in cui operano
tutte le società che si occupano di esplorazione, estrazione, trasporto, lavorazione o altre
attività legate ai seguenti 17 elementi chimici delle terre rare: scandio, ittrio, lantanio, lutezio,
itterbio, tulio, erbio, olmio, disprosio, terbio, gadolinio, europio, samario, promezio, neodimio,
praseodimio e cerio.
Strategia:
L'Etf è adatto all'investitore che voglia esporsi in maniera specifica sul comparto delle terre rare. Il fondo è scarsamente correlato con il mercato azionario ed obbligazionario, mentre evidenzia una stretta connessione con gli indici d'inflazione e di crescita economica.
Per questi motivi è consigliato inserire il fondo in un portafoglio diversificato di lungo termine.
Fattori di rischio:
La valuta è il dollaro statunitense. Per questo motivo l’investitore domestico è esposto in maniera diretta al rischio di cambio euro/dollaro. Non solo. L'evoluzione del prezzo di questi materiali è fortemente legata al livello di produzione corrente e futura. Anche i fattori geopolitici possono alterare i livelli di domanda e di offerta del prodotto del sottostante considerato.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]