Scheda ETF

Nome: Lyxor UCITS ETF FTSE Athex Large Cap

Dati principali

Nome: Lyxor UCITS ETF FTSE Athex Large Cap
Sottostante: Ftse Athex large Cap
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: Lyxor
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 1,044 EUR   Data: 19.2.2018   Massimo (giorno): 1,06   Minimo (giorno): 1,0278

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,45%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,02 EUR
Data stacco dividendo 10/7/2013
Descrizione e commento:
Il Lyxor UCITS ETF FTSE Athex Large Cap replica l’andamento del Ftse Athex 20, indice di riferimento della borsa greca . Consente un investimento focalizzato a livello territoriale su una delle economie della zona euro meno sviluppate ma che, proprio per i potenziali margini di crescita, si evidenzia come una delle realtà più interessanti nel panorama del Vecchio continente. Il rischio paese suggerisce comunque di pesare correttamente l’investimento all’interno di un portafoglio azionario altamente diversificato.
Sintesi:
Il Lyxor UCITS ETF FTSE Athex Large Cap è uno strumento adatto a chi voglia uno strumento focalizzato sul mercato greco. Il rischio paese e l’elevata esposizione verso il settore finanziario suggeriscono di pesare correttamente l’investimento all’interno di un portafoglio azionario diversificato.
Indice sottostante:
L’indice Ftse Athex 20 è compostodai titoli delle maggiori società greche per capitalizzazione. L'intento dell’index provider è quello di detenere in portafoglio un numero di titoli che consenta di ottenere una copertura del mercato almeno pari all'85% del totale.
Strategia:
Lo strumento è adatto a chi intenda diversificare il proprio portafoglio investendo sul mercato greco. I principali rischi sono legati all'andamento dell'indice ed alla sua volatilità. L’economia greca rappresenta una importante opportunità di investimento e l’ingresso oramai consolidato nell’Unione monetaria sembra destinata a far convergere l’economia ellenica verso quelle più sviluppate dei big del vecchio continente. L’Etf appare quindi indicato all’investitore domestico che voglia aumentare il profilo di rischio del proprio portafoglio senza esporsi al rischio cambio. L’investimento, visto l’andamento relativamente erratico dell’indice sottostante, può essere sfruttato anche in ottica di trading di breve e medio periodo.
Fattori di rischio:
Il fattore di rischio principale è legato al rischio paese, mentre l’Etf non è esposto, almeno direttamente, nei confronti del rischio di cambio. La diversificazione dell'investimento appare piuttosto contenuta: appare infatti decisamente troppo elevato il peso del settore bancario che, come abbiamo visto, conta per oltre la metà dell’investimento complessivo. L’investimento, proprio a causa dell’elevato peso dei titoli finanziari, è pesantemente esposto alla dinamica dei tassi: eventuali manovre restrittive da parte della Bce potrebbero, almeno a livello teorico, ripercuotersi in un sensibile deprezzamento delle quotazioni dei titoli bancari incidendo di conseguenza sul rendimento complessivo dell’Etf.

Sondaggi

Cosa succederà a Piazza Affari prima delle elezioni?
Continuerà a salire
Ci sarà molta volatilità
Inizierà una fase di vendite
Calma piatta in attesa dell'esito

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]