Scheda ETF

Nome: Amundi Barclays Global Aggregate 500M Ucits ETF DR

Dati principali

Nome: Amundi Barclays Global Aggregate 500M Ucits ETF DR
Sottostante: Barclays Global Aggregate
Mercato di riferimento: Titoli di Stato
Emittente: AMUNDI Etf
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 47,245 EUR   Data: 10.8.2018   Massimo (giorno): 47,245   Minimo (giorno): 47,245

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,20%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'Amundi Barclays Global Aggregate 500M Ucits ETF DR ha come obiettivo di gestione quello di replicare il rendimento dell'indice Barclays Global Aggregate che è composto da obbligazioni a tasso fisso di qualità investment grade di paesi sviluppati ed emergenti. I titoli che compongono l’indice hanno un rating di livello “investment grade” (stabilito sulla base della media delle valutazioni assegnate da Moody's, da S&P e da Fitch), hanno una vita residua di almeno un anno prima della scadenza finale.
Sintesi:
Questo ETF è rivolto a chi sia interessato ad investire nelle obbligazioni governative e corporate. L’investimento risente negativamente dell’avvio di politiche monetarie restrittive: è quindi opportuno valutare il livello e le attese sui tassi d’interesse prima di acquistare questo prodotto.
Indice sottostante:
L'indice Barclays Global Aggregate è composto da obbligazioni a tasso fisso di qualità investment grade di paesi sviluppati ed emergenti. I titoli che compongono l’indice sono denominati in più valute. L’indice comprende titoli di Stato, titoli di agenzie governative, titoli industriali e cartolarizzati a tasso fisso (inclusi MBS e ABS) con una emissione di almeno 500 milioni di euro.
Strategia:
Questo ETF è indicato all'investitore che vuole garantirsi un investimento diversificato su obbligazioni governative a su quelle corporate. L’Etf può essere utilizzato per ridurre il rischio complessivo di un portafoglio grazie alla bassa correlazione tra mercato obbligazionario ed azionario.
Fattori di rischio:
L’Etf risente negativamente delle fasi caratterizzate da rialzi dei tassi di interesse: risulta poco adatto quindi alle fasi di rafforzamento del ciclo economico internazionale, quando le politiche monetarie delle banche centrali passano da espansive a restrittive. E' presente il rischio cambio poiché i titoli che compongono l’indice sono denominati anche in valute diverse dall'euro.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]