Scheda ETF

Nome: SPDR Euro Stoxx low volatility Ucits ETF

Dati principali

Nome: SPDR Euro Stoxx low volatility Ucits ETF
Sottostante: Euro Stoxx Low volatility
Mercato di riferimento: Tematici
Emittente: SPDR ETF
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 36,85 EUR   Data: 16.11.2018   Massimo (giorno): 36,85   Minimo (giorno): 36,715

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Lo SPDR Euro Stoxx Low Volatility UCITS ETF si propone di riprodurre il rendimento azionario di grandi società europee che hanno evidenziato una volatilità storicamente bassa, riflettendo fedelmente la performance dell'indice Euro Stoxx Low Volatility.
Sintesi:
Questo ETF consente di prendere posizione su una selezione delle maggiori società europee che presentano minore volatilità consentendo una riduzione del profilo di rischio.
Indice sottostante:
L'indice Euro Stoxx Low volatility misura il rendimento dei 100 titoli meno volatili che compongono l'indice Euro Stoxx. L'indice utilizza un sistema di selezione e di ponderazione basati sulla volatilità. La volatilità si misura in base alla deviazione standard dei rendimenti dei prezzi giornalieri di un titolo nei precedenti 252 giorni di negoziazione. L'EURO STOXX Index è un ampio indice di riferimento che rappresenta le grandi, medie e piccole imprese capitalizzazione di 12 paesi della zona euro: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, e Spagna.
Strategia:
Lo strumento si configura come una valida opportunità per investire su titoli europei a larga capitalizzazione. La strategia "low volatility" permette di ridurre la rischiosità dell'investimento andando a selezionare le azioni dell'Euro Stoxx con minore volatilità.
Fattori di rischio:
La dinamica dei tassi di interesse ha complessivamente una rilevanza contenuta, anche se l’investimento rimane senza dubbio favorito da politiche monetarie espansive. Per quanto riguarda il rischio cambio bisogna tenere conto della definizione dell’ETF in euro con la presenza però di società non appartamenti all'area euro, in particolare britanniche e svizzere.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]