Scheda ETF

Nome: Ubs ETF - Euro Stoxx 50 Ucits ETF (EUR) I-dis

Dati principali

Nome: Ubs ETF - Euro Stoxx 50 Ucits ETF (EUR) I-dis
Sottostante: Euro Stoxx 50 Index
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: UBS
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 30854 EUR   Data: 11.2.2014   Massimo (giorno): 30854   Minimo (giorno): 30775,99

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,16%
Armonizzato
Dividendo distribuito 787,9763 EUR
Data stacco dividendo 31/7/2013
Descrizione e commento:
L’Ubs ETF - Euro Stoxx 50 Ucits ETF I-dis replica, senza utilizzare swap, l’indice Euro Stoxx 50, costituito dalle 50 blue chip dell’Unione monetaria. Tra questi paesi figurano i seguenti: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Il fondo è adatto per chi cerca un investimento focalizzato sulle blue chip europee, con una diversificazione medio-bassa. Questo ETF appartiene alla classe I, ideata per soddisfare le esigenze degli investitori istituzionali e di clienti privati facoltosi, in quanto prevede un valore della singola quota molto elevata. A fronte dell'elevato controvalore sono però previste commissioni di gestione più contenute. I dividendi vengono distribuiti semestralmente.
Sintesi:
Si tratta di un ETF adatto a chi cerca un investimento focalizzato sulle blue chip dell'area euro, aziende di grandi dimensioni e fortemente internazionalizzate.
Indice sottostante:
L'indice Euro Stoxx 50 riunisce 50 azioni delle maggiori società dell’area euro calcolati e pesati in base alla capitalizzazione del flottante. Il numero di azioni è contenuto con una discreta diversificazione settoriale, mentre a livello geografico è forte la presenza di azioni di Francia, Germania, Spagna e Italia.
Strategia:
L'Ubs-ETF Euro Stoxx 50 I è ideale per effettuare un investimento focalizzato per area geografica e dimensionalità delle imprese. E' adatto alle fasi di espansione economica globale per la preponderante presenza dei titoli di settori ciclici. Il legame con la moneta unica lo espone alle oscillazioni dell’euro una cui rivalutazione eccessiva sfavorisce le blue chip dell’area. La copertura settoriale è buona anche se il numero di titoli è basso e piuttosto concentrato su poche nazioni. Da segnalare che questo ETF si contraddistingue per il fatto di non utilizzare swap nella replica dell'indice, eliminando la possibilità che il fondo incorra in rischi di controparte.
Fattori di rischio:
Questo ETF è correlato al ciclo economico, soprattutto alle fasi iniziali con bassi tassi di interesse. Il peso dei titoli finanziari e il maggiore indebitamento medio delle imprese europee fanno sì che l'effetto di incrementi nei tassi di interesse siano negativi. Per un investitore europeo non sussite il rischio cambio. Infine si fa presente ai potenziali investitori che i titoli sono soggetti alle normali oscillazioni del mercato.

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]