Scheda ETF

Nome: iShares Euro Stoxx Small Ucits ETF

Dati principali

Nome: iShares Euro Stoxx Small Ucits ETF
Sottostante: Euro Stoxx Small
Mercato di riferimento: Azionario Small Cap
Emittente: iShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 34,395 EUR   Data: 14.8.2018   Massimo (giorno): 34,615   Minimo (giorno): 34,395

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,40%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito 0,0113 EUR
Data stacco dividendo 27/11/2013
Descrizione e commento:
L’obiettivo dell'Etf è replicare, attraverso una gestione passiva, l’indice Euro Stoxx Small che raccoglie le migliori società a bassa capitalizzazione dell’area euro. Le società su cui viene effettuato l’investimento hanno una discreta propensione al commercio internazionale. L’investimento, data la volatilità dell’indice sottostante, può essere effettuato anche in ottica di trading di medio o di breve periodo.
Sintesi:
L’iShares Euro Stoxx Small Ucits ETF consente all’investitore di partecipare ai rialzi delle migliori società a bassa capitalizzazione dell’area euro. L’elevata presenza di titoli ciclici consiglia di investire in questo Etf nelle fasi di ripartenza dell'economia.
Indice sottostante:
L'Euro Stoxx Small è composto da un centinaio di società a bassa capitalizzazione quotate sui mercati dell’area euro. I titoli vengono scelti in base alla capitalizzazione corretta per il flottante di mercato. L’allocazione geografica vede una leggera predominanza di imprese spagnole e francesi seguite da tedesche e italiane e da altri Paesi dell'area. A livello settoriale il peso maggiore è quello del comparto industriale. Seguono finanziari, beni di consumo, materie prime, tecnologia, farmaceutici, telecom, utilities ed energetici. Complessivamente l’indice appare ben diversificato a livello settoriale.
Strategia:
L'investimento nell’iShares Euro Stoxx Small permette di sfruttare le potenzialità dei titoli a bassa capitalizzazione dell'area euro. Il profilo di rischio è elevato a causa della volatilità implicita in questi titoli. L’investimento è inoltre correlato al ciclo economico internazionale: l’indice infatti ha una elevata esposizione verso i titoli industriali mentre è contenuto il peso di titoli non ciclici come telefonici e energetici. L'Etf fornisce una buona diversificazione del portafoglio azionario e potrebbe essere acquistato anche singolarmente. Non è esposto alle fluttuazioni valutarie anche se le società componenti presentano un buon grado di internazionalizzazione.
Fattori di rischio:
L’investimento è premiante con tassi di interesse bassi: il tasso di indebitamento delle aziende componenti l'indice è infatti elevato. Non c'è esposizione diretta al rischio cambio. L’Etf è correlato negativamente all'andamento del greggio per la scarsa presenza di società dei comparti oil ed energia. Nelle fasi di rallentamento e recessione le società componenti l'indice possono dover affrontare maggiori difficoltà mentre riescono a performare mediamente meglio nelle fasi di ripartenza del ciclo economico quando i tassi di interesse non sono ancora elevati.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]