Scheda ETF

Nome: iShares Digitalisation UCITS ETF

Dati principali

Nome: iShares Digitalisation UCITS ETF
Sottostante: iSTOXX FactSet Digitalisation Index
Mercato di riferimento: Tematici
Emittente: iShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 5,16 EUR   Data: 19.2.2018   Massimo (giorno): 5,175   Minimo (giorno): 5,16

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,40%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'iShares Digitalisation UCITS ETF permette di prendere posizione su un paniere composto da società che generano almeno il 50% delle entrate annuali da uno o più settori prestabiliti rilevanti per il tema della digitalizzazione. Per evitare il rischio di concentrazione, l'indice ha un minimo di 80 componenti. Non è prevista la distribuzione di dividendi. L'ETF è a replica fisica, ovvero che acquistano i titoli che compongono l'indice.
Sintesi:
L'iShares Digitalisation UCITS ETF prende posizione su società che generano almeno il 50% delle entrate annuali da uno o più settori prestabiliti rilevanti per il tema della digitalizzazione.
Indice sottostante:
L'iSTOXX FactSet Digitalisation Index rispecchia la performance di un sottogruppo di titoli azionari compresi nello STOXX Global Total Market Index che ricava entrate significative dal settore della digitalizzazione. Le società che fanno parte dell'Indice devono generare almeno il 50% delle entrate annuali da uno o più settori prestabiliti rilevanti per il tema della digitalizzazione, che rientrano in categorie quali sicurezza informatica, cloud computing e tecnologia finanziaria.
Strategia:
E' indicato per chi è alla ricerca di un investimento focalizzato su società che presentano un elevato tasso di digitalizzazione. Consente una discreta diversificazione sia a livello settoriale che di numerosità (almeno 80 componenti).
Fattori di rischio:
Poiché i titoli sottostanti che compongono l’Indice di riferimento dei Comparti possono essere denominati in valute diverse dalla valuta di riferimento per l’investitore (Euro), i Comparti potranno essere influenzati, favorevolmente o sfavorevolmente, dalla continua fluttuazione del tasso di cambio tra queste valute e l’Euro. I tassi di cambio tra le valute sono determinati dall’offerta e dalla domanda nei mercati valutari, dalla bilancia dei pagamenti internazionali, dall’intervento dei governi, dalle speculazioni e da altri fattori politici ed economici.

Sondaggi

Cosa succederà a Piazza Affari prima delle elezioni?
Continuerà a salire
Ci sarà molta volatilità
Inizierà una fase di vendite
Calma piatta in attesa dell'esito

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]