Scheda ETF

Nome: iShares Msci Uk Small Cap Ucits ETF

Dati principali

Nome: iShares Msci Uk Small Cap Ucits ETF
Sottostante: MSCI UK Small Cap TRN
Mercato di riferimento: Azionario Small Cap
Emittente: iShares
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 234,68 EUR   Data: 3.10.2017   Massimo (giorno): 234,68   Minimo (giorno): 234,68

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,58%
Armonizzato
Dividendo distribuito No
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Questo Etf punta a replicare l’andamento del MSCI UK Small Cap, l’indice delle principali società a bassa capitalizzazione quotate alla borsa di Londra. L’investimento in questo strumento è spinto dall’idea che il mercato britannico, grazie alle caratteristiche maggiormente difensive rispetto agli altri mercati europei, possa garantire rendimenti superiori, specialmente quando le prospettive di crescita delle economie internazionali sono meno rosee. Le società su cui viene effettuato l’investimento hanno una capitalizzazione contenuta ma spesso comunque caratterizzate da una marcata propensione al commercio internazionale. L’investimento su questo Etf, considerate le caratteristiche insite nell’indice di riferimento, sarà maggiormente premiante se effettuato con un ottica di investimento di medio o lungo periodo.
Sintesi:
L’Etf consente all’investitore di partecipare ai rialzi dei titoli a bassa capitalizzazione quotati alla Borsa di Londra. La completa specializzazione geografica ed il rischio di cambio suggeriscono di inserire questo Etf in un portafoglio azionario sufficientemente diversificato.
Indice sottostante:
Il MSCI UK Small Cap è un indice calcolato in sterline e comprende titoli bassa capitalizzazione quotati alla borsa di Londra. L’indice è di tipo total return pertanto non verranno distribuiti i dividendi staccati dalle società incluse nel paniere ma saranno reinvestiti all’interno del fondo.
Strategia:
L'investimento in questo fondo a gestione passiva è finalizzato a sfruttare le potenzialità ed il posizionamento delle società a bassa capitalizzazione quotate sulla borsa londinese. L’investimento tende ad assumere caratteristiche difensive, ed e’ meno indicato in fasi fortemente espansive del tessuto economico internazionale. Il mercato anglosassone oltretutto appare maggiormente correlato all’andamento del ciclo economico statunitense piuttosto che a quello della zona europea. Per questa motivazione l’investimento potrebbe essere finalizzato a garantire una efficace diversificazione di un portafoglio azionario troppo concentrato sui paesi dell’area UE.
Fattori di rischio:
L’investimento appare complessivamente bilanciato tra titoli ciclici ed anticiclici. La dinamica dei tassi di interesse ha complessivamente una rilevanza contenuta. L’Etf espone l’investitore al rischio di cambio euro/sterlina. Nonostante le fluttuazioni di tale cambio non siano tra le più volatili, tale componente deve essere attentamente valutata perché potrebbe incidere in maniera significativa sul rendimento complessivo dell’Etf stesso.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]