Scheda ETF

Nome: Lyxor UCITS ETF Euro Corporate Bond

Dati principali

Nome: Lyxor UCITS ETF Euro Corporate Bond
Sottostante: Markit Iboxx Euro Liquid Corporate
Mercato di riferimento: Obbligazionario Corporate
Emittente: Lyxor
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 146,11 EUR   Data: 23.10.2018   Massimo (giorno): 146,11   Minimo (giorno): 145,84

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,20%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Lyxor UCITS ETF Euro Corporate Bond replica l’andamento dell’indice Markit Iboxx Euro Liquid Corporate, che investe esclusivamente sulle obbligazioni a reddito fisso emesse in euro dalle più importanti società internazionali. Lo strumento appare quindi idoneo per l’investitore che sia interessato ad investire nel mercato obbligazionario internazionale, accettando una rischiosità superiore a quella offerta dai titoli di stato, attendendosi di ottenere una redditività superiore al mercato dei titoli governativi.
Sintesi:
Il Lyxor UCITS ETF Euro Corporate Bond consente un investimento sul mercato obbligazionario a reddito fisso emesso in euro dalle più importanti società internazionali. E’ indicato all’investitore che abbia intenzione di cercare un rendimento superiore a quello offerto dai tradizionali titoli di stato. Da valutare attentamente la dinamica dei tassi di interesse che potrebbe avere conseguenze significative sul rendimento complessivo dell’Etf stesso.
Indice sottostante:
Il Markit Iboxx Euro Liquid Corporate è un indice obbligazionario calcolato, gestito e pubblicato da Markit. E’ composto da un massimo di 40 obbligazioni emesse da società e denominate in euro. I titoli selezionati devono appartenere alla categoria “investment grade”, cioè beneficiano di un rating minimo pari a BBB-. Per essere inseribile nell’indice un’obbligazione deve appartenere a un’emissione con nominale minimo di 750 milioni di euro, deve essere emessa da meno di tre anni e arrivare a scadenza in non meno di un anno e mezzo. L’indice viene ribilanciato ogni trimestre, alla fine dei mesi di febbraio, maggio, agosto e novembre.
A livello settoriale la parte predominante spetta alle società del settore finanziario, il cui peso supera il 61% dell’intero indice. Seguono distanziate le società che operano nei beni di consumo che superano il 17%. Quote inferiori spettano farmaceutici, industriali, energetici e telecomunicazioni. La duration del portafoglio è pari a 3,80 anni
Strategia:
L’investimento in questa tipologia di Etf è indicato alle persone che intendono indirizzare parte del proprio capitale nelle obbligazioni a reddito fisso corporate, ovvero emesse dalle imprese internazionali, e che ricercano un rendimento complessivo superiore a quanto ottenibile rivolgendosi ai tradizionali titoli di stato.
L’investimento consente attraverso un singolo acquisto di accedere a un paniere di emissioni obbligazionarie numericamente elevato e caratterizzato da una efficace diversificazione settoriale. L’investimento risulterà premiante se effettuato in una fase caratterizzata da espansione monetaria, con tassi di interesse calanti e con una inflazione contenuta. Proprio per questo motivo l’investimento risulta poco adatto nei momenti di rafforzamento del clima economico internazionale quando le banche centrali potrebbero avviare politiche monetarie restrittive.
Fattori di rischio:
Il fattore di rischio fondamentale è legato alla dinamica dei tassi di interesse: l’avvio di una politica monetaria restrittiva avrebbe effetti negativi sul valore dei prezzi delle obbligazioni e di conseguenza sul rendimento complessivo dell’Etf. Un altro rischio è legato alla possibile revisione al ribasso del rating di credito delle varie società. Segnaliamo infine come la scelta di non indirizzarsi verso forme di investimento a tasso variabile preclude la possibilità di mitigare, anche solo parzialmente, gli effetti sui prezzi del bond derivanti da rialzi dei tassi di interesse.

Sondaggi

Quali effetti dopo la manovra del Governo che porta il deficit al 2,4%
Il provvedimento viene bocciato dalla Ue
Aumenta lo spread Btp/Bund
Il Governo conferma il provvedimento
Le agenzie di rating tagliano il giudizio
Non cambia nulla sui mercati
Cresce il consenso del Governo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]