Scheda ETF

Nome: Amundi S&P Europe 350 Ucits ETF

Dati principali

Nome: Amundi S&P Europe 350 Ucits ETF
Sottostante: S&P Europe 350
Mercato di riferimento: Azionario Europa
Emittente: AMUNDI Etf
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 200,52 EUR   Data: 28.9.2015   Massimo (giorno): 202,1   Minimo (giorno): 200,12

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,35%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Questo Etf appartiene alla categoria azionari Europa e si pone l’obiettivo, grazie a una gestione passiva, di replicare l’indice sottostante S&P Europe 350 costituito da 350 azioni selezionate tra le maggiori società europee, garantendo un’elevata diversificazione effettiva e una presenza in tutti i settori. La regione geograficamente preponderante è la Gran Bretagna, seguita da Francia, Germania e Svizzera.
Sintesi:
Uno strumento di investimento adatto a chi voglia investire sul mercato europeo includendo un ventaglio di imprese rappresentative di tutti i settori salvaguardando un certo grado di diversificazione valutaria
Indice sottostante:
L’indice S&P Europe 350 è un sottoinsieme del più vasto S&P Global 1200 e comprende circa 350 titoli. Cattura il 70% circa della capitalizzazione complessiva del mercato azionario europeo del quale fornisce un’accurata rappresentazione. I comparti maggiormente presenti all’interno dell’indice sono quello finanziario e l’energetico. Rilevante anche la quota del comparto farmaceutico e dei beni di consumo, mentre a telecomunicazioni ed ai beni industriali spettano pesi meno importanti.
Strategia:
Lo strumento è ideale per chi voglia investire su un indice europeo capace di garantire una diversificazione di portafoglio efficiente insieme con una presenza settoriale completa e una buona diversificazione valutaria, essendo presenti all’interno oltre il 50% di titoli non riconducibili all’area della moneta unica. Considerata la diversificazione di portafoglio che riesce a garantire può costituire, da solo, buona parte di un portafoglio di investimento. La presenza sensibile di due settori difensivi come le telecomunicazioni e il farmaceutico lo rendono meno dipendente di altri strumenti dal ciclo economico.
Fattori di rischio:
L’esposizione al ciclo economico è attutita dalla presenza dei settori telecom e farmaceutico, tipicamente difensivi. Anche l’esposizione al rischio tassi di interesse è inferiore rispetto ad altri Etf, grazie al sostanzioso numero di imprese a basso indebitamento, soprattutto britanniche. L’esposizione al rischio valutario è presente sotto forma di possibili movimenti dell’euro rispetto alle valute europee non facenti parte dell’Unione monetaria e di rivalutazioni di euro e sterlina, predominanti nell’Etf, rispetto al dollaro o allo yen. Quest’ultimo evento potrebbe infatti influire negativamente sulle performance delle imprese contenute nell’Etf. Il comparto energia ha un peso inferiore rispetto ad altri strumenti e dunque la volatilità dei prezzi del petrolio ne risulta attutita.

Sondaggi

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]