Scheda ETF

Nome: Lyxor Ucits ETF Brazil (Ibovespa)

Dati principali

Nome: Lyxor Ucits ETF Brazil (Ibovespa)
Sottostante: Bovespa Index
Mercato di riferimento: Azionario Mondo
Emittente: Lyxor
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 17,5 EUR   Data: 19.10.2018   Massimo (giorno): 17,5   Minimo (giorno): 17,4

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,65%
Armonizzato Si
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
Il Lyxor Ucits ETF Brazil (Ibovespa) è un fondo a gestione passiva che replica l’andamento dell'indice Bovespa. E’ uno strumento che consente di partecipare alle performance del mercato brasiliano caratterizzato da un’elevata volatilità e da una correlazione piuttosto contenuta con i principali indici del resto del mondo. Il profilo di rischio dell’investimento è piuttosto elevato vista la completa concentrazione territoriale e la diretta esposizione al rischio di cambio. Questi fattori ne fanno uno strumento adatto per essere inserito all’interno di un portafoglio caratterizzato da una spiccata propensione al rischio con il fine di aumentarne la diversificazione complessiva. L’indice brasiliano, come quello di tutti i paesi in via di sviluppo, è caratterizzato da un’elevata volatilità, fattore che rende questo Etf adatto anche ad investimenti con finalità di carattere speculativo anche nel medio e breve termine.
Sintesi:
Il Lyxor Ucits ETF Brazil (Ibovespa) consente un investimento focalizzato a livello territoriale in uno dei principali paesi esportatori di materie prime e di energia. Il rischio paese ed il rischio cambio suggeriscono di pesare correttamente l’investimento all’interno di un portafoglio azionario diversificato.
Indice sottostante:
L'indice Bovespa è l’indice di riferimento della borsa di San Paolo (Bolse de Valores de Sao Paulo). Il criterio della selezione dei titoli è basato sulla capitalizzazione corretta per il flottante, mentre il numero dei componenti (attualmente sono una sessantina) è tale da ottenere una copertura del mercato almeno pari all'85% del mercato. Il grado di diversificazione offerto dall'indice appare modesto: le prime due società per peso all’interno del paniere sono Petrobras (settore energetico) e Cia Vale Do Rio Doce (materie prime), che superano complessivamente il 24% dell’intera capitalizzazione. L’allocazione settoriale vede un peso predominante delle materie prime (circa 27%) seguita dal settore energetico (quasi 16%). Seguono con pesi prossimi ai 10 punti percentuali i telefonici, i bancari e le utilities. Sotto i 5 punti percentuali troviamo invece alimentari, servizi finanziari, beni industriali, viaggi e tempo libero e media.
Strategia:
Questo Etf è ideato per chi abbia aspettative rialziste per il mercato azionario brasiliano. Lo strumento appare indicato in momenti in cui le aspettative di crescita incorporate nei corsi azionari non siano eccessivamente elevate. L’elevato peso del comparto energetico e delle materie prime fa si che l’Etf risulti maggiormente premiante in un contesto globale caratterizzato da forti investimenti in infrastrutture, quando ci si attende un deciso aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia. L’eventuale aumento dei tassi di interesse, dato il livello particolarmente elevato del debito nazionale, potrebbe sfociare, nei casi limite, in crisi finanziarie e valutarie di portata rilevante incidendo in maniera significativa sul rendimento dell’Etf.
Fattori di rischio:
Questo fondo a gestione passiva è direttamente esposto alla dinamica del tasso di cambio euro/real brasiliano, un cross particolarmente volatile che potrebbe incidere in maniera significativa sul rendimento finale dell’investimento. Di primaria importanza anche il rischio paese, caratteristica riflessa dal giudizio attribuito al Brasile dalle principali case di rating internazionali. L’elevato grado di concentrazione settoriale fa si che l’investimento sia fortemente correlato all’andamento del prezzo delle materie prime.

Sondaggi

Quali effetti dopo la manovra del Governo che porta il deficit al 2,4%
Il provvedimento viene bocciato dalla Ue
Aumenta lo spread Btp/Bund
Il Governo conferma il provvedimento
Le agenzie di rating tagliano il giudizio
Non cambia nulla sui mercati
Cresce il consenso del Governo

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]