Scheda ETF

Nome: Amundi ETF MSCI Europe buyback Ucits ETF

Dati principali

Nome: Amundi ETF MSCI Europe buyback Ucits ETF
Sottostante: MSCI Europe Equal Weighted Buyback Yield
Mercato di riferimento: Tematici
Emittente: AMUNDI Etf
Prospetto Informativo

Valori
Ultimo Valore: 170,16 EUR   Data: 4.12.2018   Massimo (giorno): 170,28   Minimo (giorno): 170,16

Rendimento %
Da inizio anno
3 mesi
6 mesi
12 mesi
36 mesi
  val.
Costi gestione annui 0,30%
Armonizzato
Dividendo distribuito
Data stacco dividendo
Descrizione e commento:
L'Amundi ETF MSCI Europe buyback Ucits ETF ha come obiettivo di gestione quello di replicare la performance dell'indice MSCI Europe Equal Weighted Buyback Yield. Non è prevista la distribuzione di dividendi. Il TER è pari a 0,30%. L'ETF presenta una gestione di tipo indicizzato il cui obiettivo è replicare l’indice sottostante secondo un metodo di replica sintetica.
Sintesi:
L'Amundi ETF MSCI Europe buyback Ucits ETF permette un investimento focalizzato sulle società europee che portano avanti programmi di riacquisto di proprie azioni (buyback).
Indice sottostante:
L’indice MSCI Europe Equal Weighted Buyback Yield è composto da quelle azioni dell’indice MSCI Europe aventi
il tasso di riacquisto (“Buyback ratio”) più elevato nel periodo di osservazione di 12 mesi precedente
l’ultima data di ribilanciamento dell’indice. Le azioni che rientrano nella composizione dell’indice
MSCI Europe fanno parte dell’universo dei titoli più importanti dei mercati di 15 Paesi europei.
Il “Buyback ratio” è pari alla variazione del numero di azioni di una società nei 12 mesi diviso il
numero totale di azioni all’inizio del periodo di osservazione. Si considerano azioni idonee quelle
dell’indice MSCI Europe per le quali le società hanno un tasso di riacquisto superiore allo 0,10%.
Strategia:
L'investimento è focalizzato sulle società che portano avanti programmi di riacquisto di proprie azioni (buyback). L’avvio di un programma di acquisto azioni proprie, che rappresenta un'alternativa ai dividendi per restituire valore agli azionisti, spesso si traduce in corsi azionari più elevati e possibilità di sovraperformare il mercato.
Fattori di rischio:
L'investitore europeo risulta esposto al rischio cambio. In particolare l’investitore è esposto alle variazioni dei tassi di cambio dell'Euro contro le seguenti valute: il franco svizzero (CHF), la corona danese (DKK), la lira sterlina (GBP), la corona norvegese (NOK) e la corona svedese (SEK).

Sondaggi

Dopo il recente calo delle Borse Usa, cosa succederà a Wall Street?
Ci sarà rotazione settoriale
I titoli tech riprenderanno la corsa
Assisteremo a nuova flessione
Ci sarà una fase di consolidamento
E' il momento per le borse europee

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]