Abbonamenti: addio blocchi all'estero. Film, musica e contenuti online usufruibili anche in altri Paesi Ue

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

19 maggio 2017 - 10:52

MILANO (Finanza.com)

Abbonamenti, Tv online

I cittadini dell'Unione europea potranno presto accedere ai loro abbonamenti a cinema e Tv online mentre viaggiano in altri Paesi del continente. E' la novità, approvata ieri dal Parlamento euopeo, che rimuove tutti i blocchi esistenti così che i cittadini potranno accedere a servizi come Netflix, HBO Go, Amazon Prime, Spotify, Deezer mentre sono in un altro Paese Ue per vacanze, studio o lavoro.

Attualmente, i cittadini che visitano un altro Paese europeo spesso non possono accedere a servizi e contenuti online, come film, serie Tv, musica, videogiochi ed eventi sportivi, anche se pagano un abbonamento nel loro Paese d’origine. Le nuove regole, approvate in via definitiva dal Parlamento giovedì e già concordate con il Consiglio a febbraio, rimuoveranno queste restrizioni esistenti. La legislazione deve essere ancora approvata formalmente dal Consiglio dei ministri Ue, dopodiché gli Stati membri avranno nove mesi di tempo per approvare le nuove regole. Presumibilmente dunque la nuova regola dovrebbe entrare in vigore nel 2018.

Le società, come Netflix e Amazon Prime, che forniscono contenuti e servizi online potranno prendere misure per verificare che l’abbonato non si sia trasferito definitivamente in un altro Paese (tra cui controllare la carta d’identità, i dettagli di pagamento e le informazioni postali) poiché le licenze sui diritti d’autore possono essere diverse. Infine, le nuove norme riguarderanno solo i servizi a pagamento online, ma i fornitori di servizi gratuiti avranno la possibilità di rendere i propri contenuti disponibili in tutta l’Unione, a condizione che soddisfino i requisiti relativi ai controlli di residenza.

Secondo un sondaggio della Commissione nel 2016 il 64% degli europei ha usato internet per accedere o scaricare videogiochi, immagini, film o musica (in Italia il 54,7%). Molti si aspettano di poterlo fare anche mentre viaggiano in altri Paesi europei. Questi numeri dovrebbero crescere visto che gli europei pagheranno di meno per accedere a internet sui loro dispositivi mobili negli altri stati Ue a partire dal 15 giugno, quando finiranno i costi del roaming internazionale nell’UE.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]