Piazza Affari stenta anche oggi: sentiment misto sul bancario, FCA spinge Exor

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessio Trappolini

15 febbraio 2017 - 17:43

MILANO (Finanza.com)

Piazza Affari peggior mercato azionario d’Europa anche oggi, con l’indice domestico unico a chiudere sotto la parità nonostante la partenza di questa mattina aveva fatto ben sperare. La giornata è stata caratterizzata dalla serie di dati macro diffusi Oltreoceano, negli States, numeri che hanno corroborato l’idea della Yellen, espressa ieri di fronte al Congresso e ribadita oggi al Senato di Washington, che il ritmo di tre rialzi nel 2017 è necessario per raffreddare un’economia che a gennaio ha registrato un incremento del +0,6% su base mensile dell’inflazione ed un aumento della produzione industriale dello 0,4% m/m, sopra le attese del mercato.

In questo quadro Wall Street ha preso il via per l’ennesima volta con i motori su di giri e gli indici americani hanno nuovamente aggiornato i top storici, in una corsa che al momento sembra non potersi arrestare, considerando inoltre che nel giro di 2-3 settimane Donald Trump renderà noti i dettagli sull’atteso piano fiscale che intende implementare.

A Milano il FTSE Mib ha ceduto lo 0,69 % a 19.056,16 punti, con andamenti misti anche a livello secondario. Particolarmente eterogeneo l’andamento dei bancari, con UniCredit e Intesa Sanpaolo che hanno mantenuto vigore, chiudendo rispettivamente in rialzo del +1% a 12,92 euro e ++0,83% a 2,19euro.

Non va nello stesso modo a Bper Banca, -2,55% a 4,81 euro e a Banco Bpm, -3,34% a 2,54 euro, quest’ultima peggior blue chip della giornata.

Pochi i segni più, fra i quali fanno capolino le performance di STMicroelectronics, +1,15% a 13,13 euro e Exor, +1,2% a 45,87 euro, con la finanziaria degli Agnelli che beneficia dei guadagni registrati ieri da FCA (titolo piatto oggi a 10,82 euro dopo aver toccato i massimi storici questa mattina a 11,17 euro) grazie al ritorno delle speculazioni sul risiko dell’auto. Ieri PSA ha confermato l’interesse ad acquistare il marchio Opel da General Motors; mossa che secondo gli analisti aprirebbe nuovi scenari per l’agognata aggregazione GM-FCA, tanto sperata nel recente passato dal numero uno dell’ex Lingotto Sergio Marchionne.

Tutte le notizie su: 2017, borsa italiana

Vai alle quotazioni di:

Notizie su Unicredit

Notizie su Banco Bpm

Notizie su Intesa Sanpaolo

Notizie su Bper Banca

Notizie su Fiat Chrysler Automobiles

Notizie su Exor

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]