Mediaset: aprile cruciale tra Agcom, battaglia legale con Vivendi e e aste diritti calcio, piano B per Premium

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

20 marzo 2017 - 10:41

MILANO (Finanza.com)

Decisione Agcom, disputa legale contro Vivendi e futuro di Premium. Agenda di aprile caldissima per Mediaset che probabilmente tra poco più di un mese (fine aprile) avrà visto delinearsi uno scenario più chiaro soprattutto per quanto riguarda il futuro di Mediaset Premium. In particolare tra un mese arriverà la decisione dell'Agcom circa la violazione o meno delle regole che vietano a un singolo operatore di avere contemporaneamente una quota di mercato superiore al 40% tra le tlc e al 10% nei media. Inoltre sempre tra un mese circa dovrebbe uscire il nuovo bando dei diritti tv della Champions League per il triennio 2018-2021. A Cologno si starebbero delineando i contorni di una strategia a basso costo volta a partecipare alle aste in partnership con delle telco.

Al via procedimento legale contro Vivendi
Rimane ancora in alto mare la disputa con Vivendi e settimana scorsa Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset, ha fatto capire che spetta ai francesci trovare una soluzione per sbrogliare la matassa. Dal canto loro Mediaset e Fininvest abbiamo chiesto oltre un miliardo e mezzo di danni dopo il dietrofront di Vivendi sull'acquisto di Premium. Intanto domani si avrà la prima udienza nel procedimento intentato dal Biscione contro Vivendi che lo scorso agosto annunciò che non avrebbe rispettato il contratto d'acquisto di Premium.

Intanto, stando a quanto scritto da Affari&Finanza di Repubblica, Mediaset sarebbe pronta a implementare un piano B nel caso in cui non trovi un acquirente per Premium. Sostanzialmente in linea con la nuova strategia annunciata a fine 2016 per Premium, la strada scelta sarebbe quella di tagliare i costi e ristrutturare l'offerta (meno calcio, ma non senza calcio e piu' film e serie Tv). Il nuovo piano industriale di Mediaset già parlava di "aprire" la piattaforma con l'ipotesi sarebbe di mettere sul mercato competenze tecnologiche e di marketing per fare da gestore di pacchetti di contenuti di altri. Affari&Finanza riporta anche l'ipotesi di iniziare ad affiancare all'offerta della pay sul digitale terrestre anche un'offerta via satellite. Scelta che comporterebbe dei costi irrisori quanto ad affitto della banda satellitare, mentre il numero di utenti da raggiungere rappresenta un bacino potenziale non trascurabile.

Tutte le notizie su: mediaset

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]