Ecco cosa puoi controllare quando pianifichi la pensione (e cosa invece no)

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

alessandro chiatto

15 marzo 2019 - 12:07

MILANO (Finanza.com)

Preoccupati di più delle cose che puoi controllare, ma non ignorare il resto. È questo il consiglio che emerge dalla "Guida al pensionamento 2019" di JP Morgan Chase. Una delle caratteristiche principali della guida, è un "piano valido per la pensione", uno sguardo ai fattori che coloro che pianificano per la pensione possono, e non possono, controllare.

Il risparmio e la spesa sono nel "vostro controllo totale", si legge, mentre i rendimenti di mercato e la politica in materia di tassazione, risparmio e benefici sono "fuori dal vostro controllo". "Ottieni il massimo dalle cose che puoi controllare, ma assicurati di valutare fattori che sono in qualche modo o completamente fuori dal tuo controllo all'interno del tuo piano pensionistico globale", spiega JP Morgan Chase. 

Quindi, per sfruttare al massimo le cose che sono tutte o in qualche modo sotto il tuo controllo - risparmio rispetto a spesa e allocazione e posizione, nonché longevità e guadagni e durata del lavoro - ecco alcune semplici linee guida per aiutarti a iniziare.

 

Pensionamento

RISPARMIO E SPESA I consigli variano, anche se la maggior parte degli esperti afferma di dover risparmiare il 10% o più delle entrate. Fidelity ha un modo semplice per farlo: la regola 50/15/5. Assegnare non più del 50% della retribuzione da portare a casa all'essenziale, risparmiando il 15% del reddito anticipato (che include i contributi del datore di lavoro) per la pensione e risparmiando per le emergenze, mantenendo il 5% della paga in risparmi. Il resto lo si può utilizzare per fare ciò che si vuole, anche se pagare il mutuo (o il debito con il più alto interesse), qualora lo si abbia, dovrebbe essere una priorità.

ASSET ALLOCATION T. Rowe Price offre una guida semplice sull'asset allocation ripartita per età, raccomandando il 90% -100% del portafoglio previdenziale in azioni negli anni 2020 e 2030, con il passaggio all'80% - 100% in azioni con lo 0-20% del reddito fisso al compimento dei 40 anni. A 50 anni, raccomandano il 60%-80% in azioni, il 20% -30% in reddito fisso e lo 0-10% in investimenti a breve termine. In pratica, si spostano gli importi crescenti in fisso e a breve termine con l'aumentare dell'età. 


LONGEVITÀ Supponiamo di voler vivere una vita più lunga, anche se questo significa che si dovrà risparmiare di più per la pensione. A tal fine, la Harvard Medical School ha pubblicato un elenco di 10 cose che possono aiutare a allungare la vita, tra cui esercizio fisico, dieta, evitare di fumare, mantenere un peso sano e avere amici. Soprattutto se sei sano e non hai molti problemi di salute o fattori di rischio per problemi di salute, si dovrebbe parlare con il proprio consulente finanziario su quanto ancora si dovrebbe risparmiare se si vive fino a 100 anni (o addirittura di più).

GUADAGNI E DURATA DEL LAVORO Molti fattori influenzano i propri guadagni, inclusa la scelta professionale e il luogo in cui si vive. Un'altra cosa importante è come cambiare lavoro per ottenere più soldi o chiedere un aumento. Secondo JP Morgan Chase, guardare un negoziato dell'FBI è il modo migliore per ottenere un grosso rilancio.

Tutte le notizie su: pensione, asset allocation, lavoro, vecchiaia

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]