Wall Street: partenza odierna sarà condizionata dai dati sul lavoro

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Aspettando il dow

3 agosto 2018 - 12:49

MILANO (Finanza.com) La partenza odierna di Wall Street sarà condizionata dai dati sul mercato del lavoro Usa, in uscita alle 14.30 ore italiane. Nell'attesa i futures sugli indici statunitensi sono piatti, facendo presagire per il momento un avvio poco mosso: a poco meno di tre ore dalla partenza degli scambi il contratto sul Dow Jones e quello sull'S&P500 segnano entrambi un +0,04%, mentre il future sul Nasdaq sale dello 0,08%. Ieri la Borsa di New York è stata trainata al rialzo dal comparto tecnologico, con l'indice Nasdaq che ha chiuso con un balzo di oltre 1 punto percentuale grazie a Apple che con un guadagno superiore al 3% è diventata la prima “trillion company” americana.

Oggi gli investitori si muovono cauti in attesa dei dati sul mercato del lavoro Usa relativi a luglio, in uscita alle 14.30 ore italiane. Il tasso di disoccupazione è atteso in calo al 3,9% e il saldo delle nuove buste paga statunitensi nei settori non agricoli (non-farm payrolls) dovrebbe attestarsi a +193mila rispetto a +213mila di giugno. A intiepidire gli scambi anche le continue tensioni commerciali tra Usa e Cina. Ieri il ministero del commercio cinese ha portato volatilità sui mercati annunciando di essere pronto a misure di ritorsione dopo le ultime minacce di Trump.

Tra i titoli, in evidenza Apple che ieri ha tagliato il traguardo di 1 trilione di dollari di capitalizzazione, confermandosi la prima società Usa quotata in Borsa ad acciuffare una tale soglia. Da segnalare che, a questi livelli, la capitalizzazione di Apple è superiore a quella combinata di Exxon Mobil, Procter & Gamble e AT&T, incidendo sullo S&P 500 per il 4%. Il titolo è balzato di oltre +50.000% dal suo debutto nel 1980, rispetto al +2.000% del rally dello S&P nello stesso arco temporale.

Considerando il prezzo di chiusura della sessione di giovedì, Apple è balzata del 22% nel 2018 e di oltre +30% nell'arco degli ultimi 12 mesi. Per avere un'idea del trend, si può fare un paragone con i principali indici azionari Usa. Il Dow Jones è salito da inizio 2018 del 2,5% (+15,3% su base annua); lo S&P 500 ha guadagnato quest'anno il 5,2% e quasi il 14% negli ultimi 12 mesi e il Nasdaq Composite ha fatto rispettivamente quasi +12% e più del 21% nelle fasi temporali indicate.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Quale sarà il primo provvedimento economico del governo Conte?
Reddito di cittadinanza
Flat tax
Revisione legge Fornero
Aumento dell'iva
Revisione trattati europei

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]

Finanza.com_notizie