Piazza Affari arretra, bene Telecom Italia e Prysmian

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

A mercato chiuso

6 dicembre 2017 - 17:39

MILANO (Finanza.com) Segno meno per Piazza Affari al giro di boa settimanale. L’indice Ftse Mib ha chiuso le contrattazioni con un calo dello 0,49% a quota 22.307 punti. Sul mercato hanno prevalso i realizzi dopo il rally successivo al via libera del Senato Usa alla riforma fiscale, con risk-off soprattutto sull’hi-tech e sui mercati emergenti, questi ultimi scivolati ai minimi a due mesi complice anche l’accelerazione del dollaro.
Cresce intanto l’attesa per i dati di novembre sul mercato del lavoro statunitense. La stima elaborata dalla società Adp sul saldo delle buste paga del settore privato statunitense relativa il mese di novembre si è attestata a +190mila unità, in calo rispetto ai +235mila del mese precedente; dato che è andato oltre le stime di consensus che erano +185mila.

A Piazza Affari riflettori su Telecom Italia (+3,38%), mentre Mediaset ha chiuso in calo (-0,43%). Ieri il cda della maggiore tlc italiana ha dato il via libera a chiudere l’accordo con Mediaset sull’acquisto di contenuti. L'accordo sarebbe per i prossimi 5/6 anni sulla base di circa 400 milioni. Sul dossier rete l’ad Amos Genish ha affrontato i diversi modelli di separazione della rete fissa di accesso e nei prossimi mesi il management continuerà a vagliare le diverse ipotesi per stabilire se la separazione della rete sia necessaria per rispondere agli input delle istituzioni e per creare valore.

Banche in ordine sparso oggi con cali superiori all'1% per Banco Bpm, Bper e Ubi Banca. Piatta Banca Carige a 0,010 euro in attesa dei riscontri dell'aumento di capitale che si è chiuso oggi. Intanto la banca ligure ha ceduto un portafoglio di crediti deteriorati lordi che presentano un valore nominale lordo di 1,2 miliardi di euro a Credito Fondiario, per un corrispettivo di 265,7 milioni, il 22,1% del valore nominale lordo, migliore rispetto a quello che era stato stimato nel piano industriale al 2020.

Di nuovo sotto pressione i tecnologici, con l’indice di riferimento globale del settore MSCI World Tech index che soffre le sue peggiori quattro sessioni dalla Brexit. A pagarne le conseguenze è Stm scivolata indietro del 3,73% in area 18 euro. Rimbalzo per Prysmian (+0,93%) dopo i cali dei giorni scorsi a seguito dell'annuncio dell'acquisto di General Cable.

Dal fronte delle Ipo, oggi è stato il turno del debutto in Borsa Gamenet strappando un progresso dell’1,47%. Gamenet è uno dei maggiori operatori nel settore dei giochi regolamentati in Italia in termini di ricavi.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine anno?
Molto superiore ai livelli attuali (22.370)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Poco di sopra ai livelli attuali
Poco di sotto ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]

Finanza.com_notizie